Sonetti romaneschi VI/Er roffiano onorato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li Santi grossi La scirconcisione der Zignore

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/129

 
     È nnata e bbattezzata a la Matriscia:
cuà nun ze viè pe sbarattà le carte,
vienghi a vvedé coll’occhi sui che cciscia,
e ddoppo me dirà s’io sò dell’arte.
              5
     Se la facci spojjà ssenza camiscia,
la tasti puro da tutte le parte,
la provi, e vvederà cchi è la Miscia,
e ssi ppropio è un boccon da Bbonaparte.
              
     Se ne troveno pochi de sti musi.
10Le regazze, Monzù, che jje do io,
lei pò ppuro1 fregalle a occhi chiusi;
              
     ché nun zò le puzzone, Monzù mmio,
che jje porta un zocchí,2 ppiene, me scusi,
de tutte sorte de grazzia de ddio.


10 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Pure.
  2. Un non-so-chi.