Sonetti romaneschi VI/Er zìffete

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A chi soscera e a chi nnora Abbada a cchi ppijji!

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/74

 
     Cuanto saría mejjo pe vvoi, sor tappo, 2
d’ariscode le vostre3 e pportà via:
o mommò li cojjoni io ve l’acchiappo
pe llevamme ’na bbella fantasia.
              5
     Che vvolete ggiucà che vve li strappo,
e cce fo un fritto de cojjoneria?
E ddoppo, tela, gamme in collo,4 e scappo
e vve li vado a rricrompà5 in Turchia.
              
     Ma ggià, che sserve de bbuttà sta spesa,
10cuanno sc’è mmodo e verso d’aggiustalla,
senza arrischiavve a cantà er grolia in chiesa?
              
     Ché o vve se vienghi a rrifilà6 una palla,
o ttutt’e ddua, nun ze pò favve offesa,
tanto7 è una marcanzía tutta la bballa.


Terni, 1 ottobre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Taglio risoluto.
  2. Uomo di bassa statura.
  3. Di riscuotere le vostre busse.
  4. Tela e gambe in collo, vale: fuggire.
  5. Ricomperare.
  6. Rifilare, non da nuovamente filare, ma da sottrarre, ecc.
  7. Tanto, qui vale: poiché, ad ogni modo.