Sonetti romaneschi VI/Er zampietrino nîobbe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li panni stesi L'inzoggno d'una regazza I

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/310

 
     Era un pezzo, ma un pezzo assai lontano
ch’io fascevo la caccia a una regazza
giú ppe li colonnati, pe la piazza,
pe le logge, pe ttutto er Vatigano.
              5
     E ddiscevo tra mmé: «Sò un gran gabbiano!
Sta strega me cojjona, me strapazza...».
Quanto jjeri ecco un panno che svolazza,
e mme vedo fà un zegno da una mano.
              
     È llei! Appizzo allora sott’ar portico,
10da la parte che gguarda Bborgo Novo,
pe ccombinà l’affare de lo scòrtico.
              
     Ma cquanno sò a la porta de San Pietro...
cazzo! è un Domenicano! e mm’aritrovo
cor una man’avanti e un’antra dietro.


29 gennaio 1847