Sonetti romaneschi VI/Fijji bboni a mmadre tareffe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'anima bbona I Er Curato linguacciuto

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/155

 
     C’hanno da fà de ppiú, pe ddio sagraschio? 2
La femmina che llei fesce a Ccorneto,
fa la tela d’olanna, e er fijjo maschio
le cannele de sego de Spoleto.
              5
     Cià3 un’antra fijja, sí, mma cquella è un raschio,
si lla vedi, ppiú ffina de sto deto:
duncue me pare che a li fijji, caschio!, 4
si jje dà vvino nun riccojje asceto.
              
     Ma llei tratanto sta vecchiaccia porca
10magna a le spalle loro, e spenne e spanne
pe ttrovà chi jje sbuggeri la sorca.
              
     Pe mmé, la mannerebbe a Rripagranne
(già cche cquì pe le donne nun c’è fforca)
a ccompità er crimìni-vinnicanne.5


Terni, 11 novembre 1832


Note

  1. «Magagnata»: termine tolto dal popolo agli Ebrei del Ghetto romano.
  2. Viziatura di parole onde materialmente evitare la bestemmia.
  3. Ci ha.
  4. Consimile osservazione che alla nota 1. Qui per evitar laidezza.
  5. La casa di correzione detta di S. Michele, presso il porto di Ripagrande sul Tevere, il cui prospetto mostra la seguente iscrizione: Cohercendae mulierum licentiae et criminibus vindicandis.