Sonetti romaneschi VI/L'amica de core

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er giubbileo der 46 L'arisseggnazzione

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/307

 
     Ôh, cquanno è ’na scèrt’ora, è amica mia
e la difenno io, sora Costanza;
e mme pare una gran mala creanza
de trattalla da porca bbu e vvia.
              5
     E ssi ll’antr’anno, povera Luscia!,
pe cquarche mmese je cresscé la panza,
c’è bbisoggno che ffussi gravidanza?
Sarà stata quarc’antra ammalatia.
              
     È vvero poi che jje calò in du’ ggiorni;
10ma cquesto che vvòr dí? Vve faria caso
ch’er gonfiore medemo j’aritorni?
              
     Dipenneno ste cose da le lune,
ché in quant’a llei, ce ggiucherebbe er naso, 1
nun tratta antro ch’er popolo e ’r cummune.


14 gennaio 1847


Note

  1. Ci scommetterei il naso.