Sonetti romaneschi VI/L'ammantate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sesto, nun formicà La bbona spesa

Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/163

 
     Ah fu un gran ride e un gran cascerro2 gusto
quer de vede passà ttante zitelle
co la bbocca cuperta, er manto, er busto,
le spille, er zottogóla, e le pianelle!
              5
     Tutte coll’occhi bbassi ereno ggiusto
da pijjalle pe ttante monichelle,
chi nun sapessi cuer che ssa sto fusto 3
si cche ccarne sce sta sotto la pelle.
              
     Nerbi-grazzia, Luscía l’ho ffregat’io:
10Nena? ha ffatto tre anni la puttana,
e Ttota è mmantienuta da un giudio.
              
     E la sora Lugrezzia la mammana 4
n’ariconobbe dua de bborgo-pio: 5
inzomma una ogni sei nun era sana.


Roma, 20 novembre

no match

1832 - Der medemo


Note

  1. Vedesi la nota 3 del Sonetto intitolato La Nunziata. Qui solo si aggiunga che le dotate non vogliono andar esse stesse personalmente alla processione, ma vi mandano altre in lor luogo con la mercede di cinque paoli.
  2. «Soddisfacente», contrario a tareffe, «spiacevole, guasto, ecc.»: voci entrambi entrambe tolte agli Ebrei del Ghetto di Roma.
  3. La mia persona.
  4. Ostetrica.
  5. Contrada di Roma presso il Vaticano.