Sonetti romaneschi VI/L'ingeggno dell'Omo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La patta La fiandra

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/197

 
     Er venardí de llà,1 a la vemmaria,
io incontranno ar Corzo Margherita,
je curze2 incontro a bbracciuperte:3 «Oh Ghita,
propio me n’annerebbe fantasia!». 4
              5
     Disce: «Ma indove?». Allora a l’abborrita 5
je messe er fongo e la vardrappa mia, 6
e ddoppo tutt’e ddua in compagnia
c’imbusciassimo7 drento ar Caravita. 8
              
     Ggià llí ppare de stà ssempr’in cantina: 9
10e cquer lume che cc’è, ddoppo er rosario
se smorzò pe la santa dissciprina.
              
     Allora noi in d’un confessionario
ce dassimo una bbona ingrufatina
da piede a la stazzione der Zudario.10


Roma, 18 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Il penultimo venerdì.
  2. Le corsi.
  3. A braccia aperte.
  4. Ne avrei fantasia.
  5. Senza esitare, con niun complimento.
  6. Il fungo e la gualdrappa: il cappello e il ferraiuolo.
  7. C’imbucammo.
  8. Oratorio annesso alla casa gesuitica di Sant’Ignazio, e dai padri Gesuiti ufficiato. Fu fondato da un padre Caravita o Garavita di Terni, e serve ad uso di esercizii di pietà. Ivi si danno i così detti esercizii alle Dame; ivi è un’opera di missioni; ivi è eretto un sodalizio di compagni e collaboratori de’ missionari, detti volgarmente i Mantelloni, dal lungo mantello nero che indossano; ivi finalmente, oltre le funzioni diurne dei giorni feriali e festivi, in ciascuna sera dell’anno, dall’avemaria alla prima ora della notte si adunano molti uomini a recitare preci, a udire dei sermoni, a confessarsi, e in tutti i venerdì come in altre sere della settimana a disciplinarsi: ciocché si eseguisce al buio non senza gravi inconvenienti talora accadutivi. Terminato quindi il trattenimento, alcuni dei più zelanti escono dall’oratorio, e seguiti da altri divoti (quasi tutta gente volgare) si diramano per la città recitando il rosario interpolato da canzoncine divote: e tanto bene prendono misura fra il tempo e la via, che giunti, chi a tale e chi a tal altra Madonna delle quali non è penuria per le strade di Roma, ivi come a meta del loro viaggio termina appuntino il rosario e s’intuonano le litanie. Al fine di queste e di altre prozioncelle, parte in prosa e declamate, parte in versi e cantate, ciascuno al saluto di Sia laudato Gesucristo risponde sempre con un Sempre sia laudato, e va al suo qualunque piacere.
  9. Molta oscurità regna sempre in quell’oratorio.
  10. Attorno alle pareti dell’oratorio sono disposti i noti 14 quadrucci della Via Crucis. Vedi sul Caravita il son…