Sonetti romaneschi VI/L'otto de descemmre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un gastigo de la Madonna Sant'Orzola

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/190

 
     Per oggi, Cuccio1 mio, nun sfutticchiamo: 2
nun sfutticchiamo, no, ffàmo orazzione.
Nun zai oggi che ffesta scelebbramo?
La santa e immacolata Concezzione.
              5
     Doveressi capí che cquanno Adamo
nun zeppe superà la tentazzione,
e sse maggnò cquer frutto de cuer ramo,
su in paradiso se serrò pportone.
              
     Sin da cuer giorno la madre natura
10nun poté llavorà ffor de condanna
manco, se viè ppe ddí, mmezza cratura.
              
     E ttra l’uscelli e ssorche ch’Iddio manna,
nun fu assente3 arcun’antra futtitura
che dde san Giuvacchino e dde sant’Anna.


Roma, 13 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Accorciativo di Domenicuccio.
  2. Il senso dello sfotticchiare qui s’intende qual è. I volgari lo adoperano però ancora per esprimere un’azione non bene determinata e di dubbio successo. Per esempio: Che tte sfutticchi?
  3. Esente.