Sonetti romaneschi VI/La dispenza der madrimonio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mi' fijja maritata La donna liticata

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/201

 
     Cuella stradaccia1 me la sò llograta:
ma cquanti passi me sce fussi fatto
nun c’era da ottené pe ggnisun patto
de potemme sposà cco mmi’ cuggnata.
              5
     Io sc’ero diventato mezzo matto,
perché, ddico, ch’edè sta bbaggianata2
c’una sorella l’ho d’avé assaggiata
e ll’antra nò! nnun è ll’istesso piatto?
              
     Finarmente una sera l’abbataccio
10me disse: «Fijjo, si cc’è stata coppola, 3
provelo, e la liscenza te la faccio».
              
     «Benissimo Eccellenza», io j’arisposi:
poi curzi a ccasa, e, ppe nun dí una stroppola, 4
m’incoppolai Presseda, e ssemo sposi.


Roma, 20 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. La via detta degli Uffici del Vicario, dove sono notai e altri incaricati in cose matrimoniali e di costume pubblico.
  2. Ridicolezza a cui si dia importanza.
  3. Copula.
  4. Menzogna ufficiosa.