Sonetti romaneschi VI/La fiandra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ingeggno dell'Omo Mi' fijja maritata

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/199

 
     No, ppascioccona,2 io nun zò ttanto sscioto: 3
lo capisco ch’edè ttutta sta fiacca: 4
tu vvoressi appoggiamme5 la patacca,
ma è ’na moneta ch’io nun ariscoto.
              5
     Tu vvorressi attaccamme er tu’ sceroto, 6
ma ssu le carne mie nun ce s’attacca.
Io nun vojjo maggnà ccarne de vacca,
e nun me metto a ccasa er terramoto.
              
     Sta’ cco la pasce tua, fijja mia bbella,
10perché ttu ggià lo so c’ortr’ar portone
drento ar vicolo ciai la portiscella.
              
     Eppoi, dichi pe mmé ttroppe orazzione:
io sò berlicche,7 e ttu ’na santarella:
ce vò un omo pe tté mmeno bbirbone.8


Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. La furba.
  2. Pacioccone, pacioccona, sono «uomo o donna per lo più alquanto pingui e di carattere pacifico». Paciòcco poi dicesi anche come aggiunta carezzevole.
  3. Sciocco.
  4. Una certa melensa semplicità, affettata con qualche scopo.
  5. Appettarmi.
  6. Cerotto.
  7. Diavolo.
  8. Questo vocabolo significa in Roma tanto «cattivo soggetto» quanto «persona scaltra».