Sonetti romaneschi VI/La guittarìa I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La guittarìa1

../Li protesti de le cause spallate ../La guittarìa II IncludiIntestazione 23 aprile 2010 75% Sonetti

Li protesti de le cause spallate La guittarìa II

Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/64

 
     Guitto1 scannato,2 e cché!, nun te conoschi
d’êsse ar zecco,3 a la fetta4 e a la verdacchia? 5
Stai terra-terra come la porcacchia, 6
abbiti a Ardia7 in casa Miseroschi.
              5
     Ha spiovuto,8 sor dommine, la pacchia 9
d’annà in birba,10 burlà, e gguardacce loschi. 11
Mo arrubbi er manichetto a Ppuggnatoschi, 12
maggni a bbraccetto,<ref>Mangiare a braccetto, a braccio: cibarsi

Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/65

magramente e senza neppure apparecchiare la mensa. </ref> e bbatti la pedacchia. 13
              
     De notte all’osteria de la stelletta, 14
10de ggiorno ar Zole;15 e cquer vinuccio chiaro 16
che bbevi, viè a stà un cazzo17 a la fujjetta.
              
     Mostri ’na chiappa, un gommito e un ginocchio;
e chi tte vò, fa ccapo all’ammidaro
a li greghi,18 a l’inzegna der pidocchio.19

no match

Morrovalle, 26 settembre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Miseria, miserabile.
  2. Senza danari.
  3. Essere in secco.
  4. Essere alla fetta: vivere assegnato per povertà.
  5. Essere al verde, rovinato.
  6. Erba porcellana.
  7. Ardea, antica città del Lazio. Essere ad Ardea: ardere.
  8. È finito.
  9. Il comodo.
  10. Andare in tresca o in cocchio.
  11. Guardarci bieco.
  12. Manico e pugno; qui si parla di onanismo. Poniatovski dicevasi in Roma Pugnatoschi.
  13. Pedacchia: via di Roma. Batter la pedacchia: andare a piedi.
  14. Dormire alla bella stella, vale «allo scoperto».
  15. Altra osteria di Roma. Metafora consimile.
  16. Acqua.
  17. Non costa nulla alla foglietta.
  18. Essere all’amido, all’amidaro: essere fallito. Presso la chiesa di S. Anastasio dei Greci era un mercante di amido.
  19. Pidocchio: si prende per simbolo della miseria.