Sonetti romaneschi VI/La machina lèdrica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La schizziggnosa I Er comparato e commarato

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/77

 
     Oggi quer zeppo de Padron Zarlatta,
lui coll’antro bbidello a la Sapienza
che ddietr’ar collo tiè tanta de natta,
m’hanno fatto portacce una credenza.
              5
     Ce sta lí drento una gran rota, senza
razzi, tra du’ cusscini, e ttutta fatta
de vetro; e pe bbarile cià in cusscenza
quer manico c’ha ll’omo in de la patta.
              
     Come se fa, nun n’ho capito un ette:
10ma ddicheno che avanti a ’na colonna
serve a ccompone furmini e ssaette.
              
     Eppuro paghería, corpo de Nonna,
de sapé cquanno ggiucheno a ttresette
si er primo è mmaschio e la siconna è ddonna.


Terni, 3 ottobre 1831 - Der medemo