Sonetti romaneschi VI/La proferta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chi rrisica rosica Li comparatichi

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/30

 
     Bella zitella, fu tteta o fu ttuta? 1
Chi v’ha mmesso la cavola a la bbotte?
Accapo ar letto mio tutta sta notte
v’ho intesa tritticà2 ssempre a la muta.
              5
     Eh, un’antra vorta che vve sii vienuta
la vojja d’ariocà3 cco cquattro bbôtte,
ditelo a mmé, cché jje darò la muta
pe ccompità con voi F, O, T, fotte.
              
     Er mi’ cavicchio nun è ttanto struscio, 4
10che nun pôzzi serví (ssarvo disgrazzia)
pe bbatte sodo e ppe atturavve er buscio.
              
     E cciaverete poi de careggrazzia,
doppo sentito come sgarro e scuscio,
de vienimme a rrichiede5 er nerbigrazzia.


Terni, 10 settembre 1830 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Tèta è un accorciativo di Teresa, e Tuta di Geltrude. Pronunziati con la voce fu, n’esce un suono equivoco onde si fa sarcasmo verso qualche donna creduta, ecc.
  2. Tremolare.
  3. Ripetere il giuoco.
  4. Logoro.
  5. Di venire a richiedere.