Sonetti romaneschi VI/La scolazzione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Du' sonetti pe Lluscia I A la Torfetana

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/58

 
     Hai la pulenta? Ebbè? ggnente de male:
eh a sta robba co tté mme sce la stiggno: 1
eppuro, quanno viè lo sbarzo,2 intiggno,3
ciavessi d’aricurre a lo spedale.
              5
     Senti, và a nnome mio da lo spezziale
de facciata4 ar canton de Torzanguiggno, 5
e fàtte dà6 un po’ d’acqua de grespiggno
stillata7 cor un pizzico de sale.
              
     Tu ppijjela a ddiggiuno domatina
10ammalappena che tte sei svejjato:
pijjela, e vederai che mmediscina!
              
     Poi maggna puro,8 e ddoppo avé mmaggnato
bbévete9 la tu’ bbrava fujjettina,
abbasta10 che nun zii11 vino annacquato.


Morrovalle, 22 settembre 1831 - De Peppe er tosto


Note

  1. Stignarsela con alcuno, vale «vedersela, combattersela».
  2. Sbalzo: occasione proprizia.
  3. Da intiggne (intingere), non da intiggnà (ostinarsi), altro verbo romanesco.
  4. Incontro.
  5. Tor Sanguigna: nome di una torre e della piazza in cui sorge.
  6. Fatti dare.
  7. Distillata.
  8. Pure.
  9. Beviti.
  10. Purché.
  11. Non sia.