Sonetti romaneschi VI/La vecchia pupa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li preti a ddifenne Li du' coraggi

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/172

 
     Dichi davero, Ggiosuarda, o bburli?
Che tte sei messa in fronte stammatina?!
Si’ bbuggiarata! Oh bbutta via sta trina,
e aristènnete ggiú sti cuattro sciurli. 2
              5
     Pe ffatte camminà, vvecchia scquartrina, 3
mommó cce vonno l’argheni e lli curli, 4
e cco sti sciaffi5 vôi fà ddatte l’urli?
vôi bbuscà le torzate? o annà in berlina?
              
     Oh vvarda cquì sta vecchia matta, varda,
10si cche ffreggne de grilli6 s’aritrova,
e mme pare er cartoccio d’una sciarda! 7
              
     Cojjóni, cazzo!8 ogni ggiorno una nova?!
Ma ddavero davero, eh Ggiosuarda,
che ttu vvôi famme guadagnà ccent’ova?9


Roma, 25 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. La vecchia bambina.
  2. «Ciocche», o, come dicesi a Roma, frezze, di capelli rarissimi e sparse qua e là per cotenna.
  3. Sgualdrina, cioè: «donnuccola vanarella».
  4. Legni di figura cilindrica da sopporsi ai gravi esposti al tiro, onde scorrano.
  5. Ciaffi: ornamenti meschini e affastellati (c strisciata).
  6. Razza di capricci.
  7. Cialda.
  8. L’accento enfatico di questa esclamazione deve cadere sulla seconda sillaba della prima parola, come si dicesse per esempio: Salùte, per bacco! Bràvo, caspita!
  9. Si vuole in Roma che ne’ tempi passati si donassero cento uovi a chi conducesse un pazzo al reclusorio della Via della Lungara.