Sonetti romaneschi VI/Le ggiurisdizzione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La quarella d'una regazza Er padre de li Santi

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/177

 
     È un gran birbo futtuto chi sse lagna
de le cose ppiú mmejjo der Governo.
Come! ner cor de Roma cuel’inferno
de le puttane de Piazza de Spagna?! 1
              5
     S’aveva da vedé ’na scrofa cagna
d’istat’e utunno e pprimaver’e inverno,
su cquer zanto cuscino,2 in zempiterno
a cchiamà li cojjoni a la cuccagna?
              
     Hanno fatto bbenone: armanco adesso
10se fotte pe le case a la sordina,
e ccor prossimo tuo come te stesso.
              
     Mo ttutto se pò ffà ccor zu’ riguardo
co cquella ch’er Zignore te distina;
e ar piuppiú cce pò uscí cquarche bbastardo.


Roma, 5 dicembre 1832


Note

  1. Il palazzo de’ ministri di Spagna godeva immunità per un circondario che comprendeva molte contrade, popolate perciò di meretrici.
  2. Le suddette meretrici usavano di tendere un guanciale su’ balconi ove si affacciavano a far caccia.