Sonetti romaneschi VI/Le scénnere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Commedia de musica L'arrede der Prelato

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/221

 
     Pe ffà da bbon cristiano, e sscontà in chiesa
tante scopate, tanti pranzi e ccene,
e ttutte st’antre invanità tterrene,
ho ppreso er cenneraccio a Ssant’Aggnesa. 2
              5
     Nun dubbità che ssò cascato bbene! 3
ch’er prete, forze4 pe ffamme5 un’offesa,
in cammio6 d’appricammene7 una presa,
m’ha inzuccherato er ggruggno a mmano piene.
              
     Penza si a mmé, cche nun maggno cresscioni
10che mme faccino fà lla pisscia fresca, 8
me s’è scallato er pisscio a li cojjoni!
              
     Figuret’io che sò come una lesca!9...
Ma cche vvòi dí? sti preti sò sturioni
che sfassceno le rete a cchi li pesca.


Roma, 18 gennaio 1833

Note

  1. Il dì delle ceneri.
  2. Chiesa al Foro agonale, oggi Piazza Navona, fabbricata da Innocenzio X sulle rovine dell’antico circo di Alessandro Severo.
  3. Cascar bene, vale: «aver buon successo in checchessia». Qui in modo ironico.
  4. Colla o chiusa: «forse».
  5. Farmi.
  6. In cambio.
  7. Di applicarmene.
  8. Questa è la virtù che si celebra de crescioni, ad alta voce, dai venditori per la città.
  9. Esca.