Sonetti romaneschi VI/Li comparatichi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La proferta Facche e tterefacche

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/31

 
     Dìmme che nun zò Ppeppe si a cquer tufo
nu jje fo aricacà quer che mme maggna.
San Giuanni peddío nun vò tracagna. 1
Credeme, Titta2 mia, propio sò stufo.
              5
     Si la Commar Antonia io me l’ingrufo,
lui perché fa lo sscioto3 e ppoi se laggna?
Chi er cane nu lo vò ttienghi la caggna:
una cosa è cciovetta, e un’antra è ggufo.
              
     Ma cquello vò confonne Ottobre e Mmarzo,
10sammaritani, scribbi e ffarisei,
per avé sempre lesto er carciofarzo. 4
              
     Io pago la piggione a llui e llei,
io je do er tozzo, io li vesto, io li carzo,
e llui me vô scoccià lli zzebbedei.5


Terni, 4 ottobre 1830 - De Pepp’er tosto


Note

  1. San Giovanni battezzatore di Cristo è il protettore dei comparatichi. San Giuvanni non vò tracaggna, cioè «Fra compari non deve entrar fraude».
  2. Giovanbattista.
  3. Il semplice.
  4. Mala azione.
  5. Vedine il senso nel son. n. …