Sonetti romaneschi VI/Li frati I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La protennente Le mano a vvoi e la bbocca a la mmerda


Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/37

LI FRATI I


 
     Sora Terresa mia sora Terresa,
Io ve vorrebbe vede appersuasa
De nun favve ggirà ffrati pe ccasa,
Ché li frati sò rrobba pe la cchiesa.
              
     Lo so bbè io sta ggente cuer che pesa
E cquanto è roppicula e fficcanasa!
Eppoi bbasta a vvedé ccom’è arimasa
Co cquer patrasso1 la commare Aggnesa.
              
     Sti torzonacci pe arrivà ar patume 2
Te fanno punti d’oro; e appena er fosso
L’hanno sartato, pff,3 tutto va in fume.
              
     C’è da facce4 in cusscenza un fianco grosso!
Ortre ar tanfetto poi der suscidume
De sudaticcio concallato5 addosso.


9 ottobre 1830


Note

  1. Padre graduato.
  2. Carne delle parti, ecc.
  3. Suono di un gas compresso che sventa.
  4. Farci.
  5. Sudore in fermento.