Sonetti romaneschi VI/Li mariti II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li mariti I Er bon tajjo


Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/149

LI MARITI II


 
     Mariti? eh, Dio! si le cose, commare,
Se potessi cuaggiù ffalle du’ vorte,
Prima de dí cquer padre sí a l’artare
Me vorrebbe da mé ddamme la morte.
              
     Strapazzi de ’gni ggenere, cagnare,
Cazzottoni, croscette,1 fuse-torte, 2
Porca cquà, vvacca llà... che tte ne pare?
Valla a ddisiderà sta bbella sorte.
              
     Figurete ch’er mio che mm’ha ppijjata
Piena zeppa de robba, è ggià la terza
Ch’inzino a la camiscia m’ha impegnata.
              
     Senza dí poi che st’animaccia perza 3
Cuanno semo... capischi?, ha la corata 4
De particce5
=== no match ===
a la dritta e la roverza.


Terni, 6 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Digiuni.
  2. Corna.
  3. Perduta.
  4. Corata, per “cuore„. Corata è presso il volgo “l’insieme de’ visceri del petto„. Quindi comperare una corata; fare una frittura di corata, ecc.
  5. Partirci: darcisi.