Sonetti romaneschi VI/Li miracoli der pelo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li comprimenti de le lavannare Mastr'Andrea vedovo

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/296

 
     L’avete vista la siggnora Tuta
come s’è ttutta arimpipirizzita?
come s’è ddata a l’amorosa vita?
E nun je s’ha da dí pporca futtuta!
              5
     Lei tante cianarie, faccia ggialluta,
e a mmé mme tocca de morí ingriggnita!
Ma io me chiamo sempre Margherita:
io nun ciò ggnisun Zanto che mm’ajjuta.
              
     Senza er zu’ San Grigorio Tammaturgo
10chi nun ha ggnisun’arte né mmistiere,
li pò ffà ttanti sfarzi, eh? mme la purgo.
              
     Ebbè sto San Grigorio è un furistiere,
è un russio che sse chiama Pietro Bburgo,
e la va a cconzolà ttutte le sere.


9 dicembre 1844