Sonetti romaneschi VI/Li spiriti V

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li spiriti

../Li spiriti IV ../Sesto nun formicà IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Li spiriti IV Sesto nun formicà



[p. 151 modifica]

LI SPIRITI V


 
     Burlàtemesce, sí, ccari coll’ogna: 1
Voantri fate tanto li spacconi, 2
E cquanno semo a l’infirzà un’assogna 3
Poi se manna in funtana li carzoni.
              
     Nun è mmica un inguento pe la rogna 4
Quer vedé un schertro in tutti li cantoni:
Cquà tte vojjo: a cciarlà ttutti sò bboni,
Ma bbisogna trovaccese bbisogna.
              
     So cche da quella sera de la sbiossa 5
Ancora sto ppijjanno corallina, 6
E nnun m’arreggo in piede pe la smossa. 7
=== no match ===

              
     E cquanno penzo a rritornà in cantina,
Me sento li gricciori ggiú ppell’ossa,
Me se fanno le carne de gallina.


Roma, 22 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. L’equivoco dell’ogna, che in romanesco vuol dire unghie, cade in ciò, che aggiunto quel vocabolo a caro, forma la parola carogna.
  2. Rodomonti, bravi.
  3. Sugna.
  4. Modo proverbiale: “Non è già una delizia ecc.„.
  5. Paura, accidente terribile.
  6. Medicina contro le verminazioni intestinali.
  7. Mossa, diarrea.