Sonetti romaneschi VI/Libbertà, eguajjanza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libbertà, eguajjanza

../L'incrinnazzione ../L'ammalata IncludiIntestazione 2 maggio 2010 75% Sonetti

L'incrinnazzione L'ammalata

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/167

 
     Perché tte scanzi? Nun zò mmica un porco
che tte vienghi a intrujjà l’accimature. 1
Ih cche sspaventi! e ccos’hai visto? l’orco 2
che vviè a mmette in ner zacco le crature?
              5
     Cuanno che tte s’accosta Peppe er zorco, 3
a llui nun je le fai ste svojjature!
Ma un giorno o ll’antro co ste tu’ pavure,
mignottaccia mia bbella, io te sce corco. 4
              
     Cuesto, Dio sant’e ggiusto, è cche mme cosce,
10ch’io sto a stecchetta e cquello affonna er dente:
c’uno ha dd’avé la vosce, uno la nosce. 5
              
     Da un cazzo all’antro nun ce curre ggnente;
e ’r Zignor Gesucristo è mmorto in crosce
pe ttutti quanti l’ommini uguarmente.


Roma, 22 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. A infecciare le gale.
  2. Larva che prende origine dall’Orcus de’ latini, col traslato da luogo a soggetto pauroso.
  3. Sorco (la s in z dopo la consonante).
  4. Colco.
  5. Modo proverbiale: «Uno ha la rinomanza, uno la realtà».