Sonetti romaneschi VI/Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto
A Compar Dimenico Er romito

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/21

NUNZIATA E ’R CAPORALE; O CONTÈNTETE DE L’ONESTO


     Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta
De scolà er nerbo1 cincue vorte e mezza?
Vò’ un bascio? tiello2: vôi n’antra carezza?...
Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta.

     Ma tte stai fermo? Mica sò dde pasta,
Ché mme smaneggi: mica sò mmonnezza3.
Me farai diventà ’na pera-mezza4!
Eppuro te n’ho data una catasta5!

     E per un giulio tutto sto strapazzo?
Ma si mme vedi ppiú pe ppiazza Sora6 ...
Oh vvia, famme cropí, cc’ho ffreddo, cazzo!

     Manco male! Oh mmó ppaga. Uh, ancora tremo!
Addio: lasseme annà a le cuarantora7,
E öggi8, si Ddio vò9, cciarivedemo.


Roma, 14 febbraio 1830 - Der medemo


Note

  1. Nervo, per pène.
  2. Tienilo.
  3. Immondezza.
  4. Mézza, colle due z aspre: cioè Pera vizza.
  5. Una quantità grande.
  6. Il palazzo già dei Duchi di Sora serve oggi di caserma.
  7. La esposizione pubblica e continua della Eucaristia in tante chiese a ciò destinate. Le donne, di qualunque natura, sono divotissime di questa funzione.
  8. Oggi significa sempre: dopo il pranzo.
  9. Cristiana uniformazione alle disposizioni del Cielo sugli eventi futuri, che le buone genti di Roma non pretermettono mai parlando di azioni che meditano.