Sonetti romaneschi VI/Sant'Orzola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Orzola

../L'otto de descemmre ../L'Omo de Monno IncludiIntestazione 17 aprile 2010 75% Sonetti

L'otto de descemmre L'Omo de Monno

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/191

 
     Undiscimila vergine, sagrato!
undiscimila, cazzo!, e ttutt’inzieme?!
Jèsummaria! ma vvedi cuanto seme
che ppoteva impiegasse,1 annà spregato!
              5
     E a ttempi nostri tanti che jje preme
de pescà un búscio arcuanto2 conzervato,
d’undiscimila c’abbino pescato
nun ne troveno dua! Tutte medeme! 3
              
     Undiscimila vergine! che ppasto
10da conzolà un mijjaro de conventi!
Tutte zitelle! Ma cchi è annato ar tasto?
              
     Ce volemo accordà? Pavolo, senti:
o ffra ttante zitelle sc’era er guasto,
o ereno per dio tutt’accidenti.4


Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Impiegarsi.
  2. Alquanto.
  3. Tutte uguali (medesime).
  4. Orridamente brutte.