Sonetti romaneschi VI/Santaccia de Piazza Montanara II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Santaccia de Piazza Montanara I Un gastigo de la Madonna


Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/188

SANTACCIA DE PIAZZA MONTANARA II


 
     A pproposito duncue de Santaccia
Che ddiventava fica da ogni parte,
E ccoll’arma e ccor zanto2 e cco le bbraccia
T’ingabbiava l’uscelli a cquarte a cquarte;
              
     È dda sapé cc’un giorno de gran caccia,
Mentre lei stava assercitanno l’arte,
Un burrinello co l’invidia in faccia
S’era messo a ggodessela in disparte.
              
     Fra ttanti uscelli in ner vedé un alocco,
“Oh„, disse lei, “e ttu nun pianti maggio?„ 3
“Bella mia„, disse lui, “nun ciò er bajocco„.
              
     E cqui Ssantaccia: “Aló, vvièccelo a mmette:
Sscéjjete er búscio, e tte lo do in zoffraggio
De cuell’anime sante e bbenedette„.


Roma, 12 dicembre 1832 -

no match

Der medemo


Note

  1. Veggasi la chiamata 1a del sonetto n. 1 del medesimo titolo.
  2. Arma e santo, è il dritto e rovescio della moneta con che giuocano i plebei al così detto marroncino. Vedi il sonetto…
  3. Frase di egual senso alla simile toscana.