Sonetti romaneschi VI/Un po' pper uno nun fa mmale a gnisuno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lotte ar rifresco Er giudisce der Vicariato

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/135

 
     Te strasecoli tanto che Cciscijja, 1
la ppiú fijja regazza de Sabbella,
fa a mmezzo co la madre, e sse lo pijja
dar su’ compare, bbé cche ssii zitella?
              5
     Rinzo se l’è allevata a mmollichella:
e cchi ffotte la madre e ppoi la fijja
sai c’ortr’ar gusto de mutà la sella
va in paradiso poi co la mantijja.
              
     Cuanno la donna arriva a cquarant’anni
10è de ggiusto che rresti a ddenti asciutti
e vvadi a ffiume co ttutti li panni.
              
     E Rrinzo che nun vò li musi bbrutti
pijjò li passi avanti a Ssan Giuvanni 2
ché ognuno penza a ssé, Ddio penza a ttutti.3


21 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Cecilia.
  2. Cioè fin dal battesimo della sua figlioccia.
  3. Questo sonetto è un accozzamento di modi sentenziosi e proverbiali del popolo.