Sorella di Messalina/Parte prima/IV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
IV

../III ../V IncludiIntestazione 11 marzo 2018 75% Da definire

Parte prima - III Parte prima - V
[p. 29 modifica]

IV.

— Detesto i baci, — disse lei allorchè, al terzo incontro, Alberto credette giunta l’ora di chiedergliene uno.

La signora detestava molte cose che le donne in generale sogliono amare.

— Detesto i baci, detesto i fiori, detesto i bambini, — dichiarò.

Alberto fu non poco stupito da queste asserzioni che gli parvero anormali ed inestetiche; indi osò chiederle, se in fatto di bambini, non conoscesse che quelli degli altri.

— Conosco anche i miei, — rise la signora.

— Ah? — fece Alberto.

— Sì, due. — diss’ella, laconica, stringendosi nelle spalle. — Grandi e lontani. Quando sarò così vecchia da non potermi più nè tingere nè incipriare, andrò a stare con loro. Mi adorano.

— E... vostro marito?... — chiese tentativamente Alberto.

Di nuovo ella si strinse nelle spalle.

— È in Africa; — disse. [p. 30 modifica]

— Non torna?

— Sì, sì. Tornerà. Mi adora.

Secondo lei, tutti la adoravano. E poteva anche essere vero. Ma lei continuava a detestare molta gente e molte cose.

— Detesto le donne, — disse un giorno, allorchè, giungendo inattesa nello studio, lo aveva trovato invaso da una deputazione di signore del Comitato di Coltura femminile. E all’Esposizione della Promotrice, avendole Alberto presentato due dei suoi amici (di cui uno le fece la corte e l’altro no) ella si mostrò assai risentita.

— Non mi presentate mai i vostri amici — esclamò. — Detesto gli uomini.

Egli allora, per distrarla e placarla, e anche perchè cominciava ad interessarsi a quel viso strano che cambiava di linea, di espressione e di colore ogni momento, la pregò di posare per un ritratto.

— No! no! Detesto i ritratti! — disse lei. — E detesto i ritrattisti! Detesto tutto.

Egli non insistette.

Ma l’imagine di lei, il ricordo delle sue frasi e dei suoi atteggiamenti, il bisogno di vederla ogni giorno, crebbe e lo ossessionò.