Specchio di vera penitenza/Distinzione quinta/Capitolo settimo/Qui si dimostra che cosa è il peccato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Distinzione quinta - Capitolo settimo - Qui si dimostra che cosa è il peccato

../Qui si dimostra quale è la seconda maniere de’ peccati ../Qui si dimostra quale è la differenza ch’è tra ’l peccato veniale e ’l peccato mortale IncludiIntestazione 5 dicembre 2014 75% Da definire

Distinzione quinta - Capitolo settimo - Qui si dimostra che cosa è il peccato
Distinzione quinta - Qui si dimostra quale è la seconda maniere de’ peccati Distinzione quinta - Qui si dimostra quale è la differenza ch’è tra ’l peccato veniale e ’l peccato mortale
[p. 170 modifica]

Qui si dimostra che cosa è il peccato.


In prima si conviene dire che cosa è il peccato. E dice santo Agostino: Peccatum est onne dictum, vel factum, vel concupitum, quod sit contra legem Dei: Peccato è ogni detto e fatto, e ogni cosa desiderata contra alla legge di Dio. E dice san Tommaso, esponendo il detto di santo Agostino, e mostrando com’egli ha sofficientemente difinito il peccato, che al peccato concorrono due cose. La prima è l’atto che si fa o che si produce; e questo si mostra in ciò che dice ogni detto, ch’è atto fatto o prodotto colla lingua; e fatto ch’è atto prodotto e fatto colle mani, o con qualche altro membro del corpo; o cosa desiderata, ch’è atto della volontade, prodotto dentro dal cuore. La seconda cosa che concorre al peccato, si è il difetto della dirittura cioè della diritta ragione, che ha a dirizzare l’operazione e gli atti umani nel debito fine. Ed è il fine debito degli atti umani la beatitudine eterna. Quello che dirizza gli uomini alla beatitudine eterna è la legge di Dio, la quale ordina e regola la ragione e gli atti [p. 171 modifica]umani, che sono difettuosi nell’ultimo fine, cioè1 la eterna beatitudine. Onde, adoperando secondo la legge di Dio, l’uomo perviene alla beatitudine, ch’è l’ultimo fine della razionale creatura, cioè dell’uomo. Ma facendo contro alla legge di Dio, ch’è fare il peccato e travaricare2 con difetto da quello che l’uomo dê fare, sì è svíasi dall’ultimo fine. E però dicendo che cosa è il peccato, ragionevolmente s’aggiugne ch’è contro alla legge di Dio. Onde santo Ambruogio, volendo mostrare che cosa è il peccato, dice: Quid est peccatum, nisi prooevericatio legis divinoe, et coelestium inobedientia mandatorum? Che cosa è il peccato, se none uno trapassamento della legge di Dio, e disobedienza de’ celestiali comandamenti? Dove si dimostra come al peccato concorre una privagione di quello che dirizza al fine, cioè alla beatitudine: e questo si dà ad intendere quando dice ch’è uno trapassamento della divina legge. E anche è uno disordinamento e uno isviamento del detto fine: e ciò si dimostra quando dice ch’è una disubedienza de’ celestiali comandamenti, a’ quali obbediendo si perviene alla beatitudine di vita eterna; si come rispuose Cristo nel Vangelo a colui il quale lo domandava quello che fare dovea per avere vita eterna, dicendo: Si vis ad vitam ingredi, serva mandata: Se vuoi entrare a vita eterna, serva i comandamenti. Per questo ch’è detto, si dà ad intendere, come dice il Maestro delle sentenzie, che negli atti di fuori, come nel mal parlare e nel male operare, sta il peccato; e ancora negli atti dentro si commette peccato, come nel mal pensare e nel male volere e nel male desiderare. E spezialmente la mala voluntade è radice e cagione d’ogni peccato che dentro o di fuori si commette.

Note

  1. Le tre consultate edizioni: il quale è.
  2. Le stesse: e mancare.