Differenze tra le versioni di "Pagina:Tragedie, inni sacri e odi.djvu/416"

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
 
m
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 3: Riga 3:
 
Mi splendea de’ tuoi guardi, che Amor vinse,
 
Mi splendea de’ tuoi guardi, che Amor vinse,
 
E m’appressai securo. E quel cortese,
 
E m’appressai securo. E quel cortese,
Di cui cara l’immago ed onorata{{R|25}}
+
{{R|25}}Di cui cara l’immago ed onorata
 
Sarammi infin che la purpurea vita
 
Sarammi infin che la purpurea vita
 
M’irrigherà le vene, a me rivolto,
 
M’irrigherà le vene, a me rivolto,
 
Con gentil piglio la tua man levando,
 
Con gentil piglio la tua man levando,
 
Fea d’offrirmela cenno. Ond’io più baldo
 
Fea d’offrirmela cenno. Ond’io più baldo
La man ti stesi; ma tremò la mano{{R|30}}
+
{{R|30}}La man ti stesi; ma tremò la mano
 
E il cor: chè tutto in su la fronte allora
 
E il cor: chè tutto in su la fronte allora
 
Vidi il dio sfolgorarti, e tosto in mente
 
Vidi il dio sfolgorarti, e tosto in mente
Riga 14: Riga 14:
 
Aria nutrita, ed a che scorte avvezza.
 
Aria nutrita, ed a che scorte avvezza.
   
Mesto allor la tua vista abbandonai;{{R|35}}
+
{{R|35}}Mesto allor la tua vista abbandonai;
 
Ma l’inquïeto immaginar, che sempre
 
Ma l’inquïeto immaginar, che sempre
 
Benchè d’alto caduto in alto aspira,
 
Benchè d’alto caduto in alto aspira,
 
Sovra l’aspro sentiero a vol si mosse
 
Sovra l’aspro sentiero a vol si mosse
 
Del tuo vïaggio, e a te fidato, al sommo
 
Del tuo vïaggio, e a te fidato, al sommo
Stette de l’Alpe, e si librò securo{{R|40}}
+
{{R|40}}Stette de l’Alpe, e si librò securo
 
Sovra i vestigi e i desidèri umani.
 
Sovra i vestigi e i desidèri umani.
 
Poi riverito il tuo celeste nido,
 
Poi riverito il tuo celeste nido,
 
Di pensiero in pensier, di monte in monte,
 
Di pensiero in pensier, di monte in monte,
 
Seguitando il desìo, vêr la mia sacra
 
Seguitando il desìo, vêr la mia sacra
Terra drizzai le penne, ed i cognati{{R|45}}
+
{{R|45}}Terra drizzai le penne, ed i cognati
 
Rèti giganti valicando, alfine
 
Rèti giganti valicando, alfine
 
Vidi l’Orobia valle. Ivi un portento
 
Vidi l’Orobia valle. Ivi un portento
 
Al mio guardar s’offerse: una indistinta
 
Al mio guardar s’offerse: una indistinta
 
Aeria forma or si movea qual pura
 
Aeria forma or si movea qual pura
Nuvoletta d’argento, ed or di neve{{R|50}}
+
{{R|50}}Nuvoletta d’argento, ed or di neve
 
Fiocco parea che un bel cespuglio vesta.
 
Fiocco parea che un bel cespuglio vesta.
 
Ma pur l’immagin bella e fuggitiva
 
Ma pur l’immagin bella e fuggitiva
 
Tanto con l’occhio seguitai, che vera
 
Tanto con l’occhio seguitai, che vera
 
Alfin m’apparve, a te simile alquanto,
 
Alfin m’apparve, a te simile alquanto,
Vergin nè tocca nè veduta ancora,{{R|55}}
+
{{R|55}}Vergin nè tocca nè veduta ancora,
 
E d’immortal concepimento anch’ella.
 
E d’immortal concepimento anch’ella.
 
Non tenea scettro, non cingea corona</poem>
 
Non tenea scettro, non cingea corona</poem>

Menu di navigazione