Differenze tra le versioni di "Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/25"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Pt|strati| magistrati}}, trionfatori<ref>{{AutoreCitato|Macrobio}}, ''Saturn.'', 9; {{AutoreCitato|Marco Tullio Cicerone|Cicerone}}, ''Tuscul.'', 4; {{AutoreCitato|Plutarco}}, ''in Caesare et in Crasso.''; {{AutoreCitato|Plinio il vecchio|Plinio}}, ''Hist. nat.'', XIV.</ref> tutti faceano a gara a imbandir sontuosi banchetti. Le cene private non erano certamente più frugali delle pubbliche; famosa è la risposta di {{AutoreCitato|Lucullo}} al suo maestro di casa: non sapevi che Lucullo dovea cenare con Lucullo?
+
{{Pt|strati| magistrati}}, trionfatori<ref>{{AutoreCitato|Macrobio}}, ''Saturn.'', 9; {{AutoreCitato|Marco Tullio Cicerone|Cicerone}}, ''Tuscul.'', 4; {{AutoreCitato|Plutarco}}, ''in Caesare et in Crasso.''; {{AutoreCitato|Gaio Plinio Secondo|Plinio}}, ''Hist. nat.'', XIV.</ref> tutti faceano a gara a imbandir sontuosi banchetti. Le cene private non erano certamente più frugali delle pubbliche; famosa è la risposta di {{AutoreCitato|Lucullo}} al suo maestro di casa: non sapevi che Lucullo dovea cenare con Lucullo?
   
 
Alla gola tien dietro la lussuria, la mollezza, l’accidia, ogni vizio più turpe. La via Sacra, i Portici, la via Appia, tutti i passeggi di Roma brulicano di mezzani, di prostitute, di libertini, di gladiatori pronti a trafficare la loro robustezza, di molli e profumati cinedi che sfoggiano i loro anelli e la loro beltà, di senatori che fan l’occhietto ad effeminati seguaci di Venere Aversa, di matrone più dissolute e sfacciate delle loro ancelle; un pubblico convegno di seduzioni, un vero mercato di amori.<ref>Walkenaer, ''Storia della vita d’Orazio''.</ref>Alberghi, taverne, barberie, seggiole, lettighe, offrono asilo stabile od ambulante all’anonima prostituzione dei magnanimi figli di Remo.<ref>Dufour, ''Hist. de la prostit.'', chap. XX.</ref>
 
Alla gola tien dietro la lussuria, la mollezza, l’accidia, ogni vizio più turpe. La via Sacra, i Portici, la via Appia, tutti i passeggi di Roma brulicano di mezzani, di prostitute, di libertini, di gladiatori pronti a trafficare la loro robustezza, di molli e profumati cinedi che sfoggiano i loro anelli e la loro beltà, di senatori che fan l’occhietto ad effeminati seguaci di Venere Aversa, di matrone più dissolute e sfacciate delle loro ancelle; un pubblico convegno di seduzioni, un vero mercato di amori.<ref>Walkenaer, ''Storia della vita d’Orazio''.</ref>Alberghi, taverne, barberie, seggiole, lettighe, offrono asilo stabile od ambulante all’anonima prostituzione dei magnanimi figli di Remo.<ref>Dufour, ''Hist. de la prostit.'', chap. XX.</ref>

Menu di navigazione