Differenze tra le versioni di "Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/437"

Jump to navigation Jump to search
(→‎Pagine SAL 25%: Creata nuova pagina: veda alla pagina xxj. E’ ricavato da una consimile figura in gran foglio premessa dallo stesso {{AutoreCitato|Pierre-François Hugues d'Han...)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
 
veda alla pagina xxj. E’ ricavato da una consimile figura in gran foglio premessa dallo stesso {{AutoreCitato|Pierre-François Hugues d'Hancarville|Hancarville}} al Tom. {{Sc|iI}}. della collezione del signor cav. Hamilton.
 
veda alla pagina xxj. E’ ricavato da una consimile figura in gran foglio premessa dallo stesso {{AutoreCitato|Pierre-François Hugues d'Hancarville|Hancarville}} al Tom. {{Sc|iI}}. della collezione del signor cav. Hamilton.
   
7. Pag. xxiij. Pezzo di ornato lavorato in legno nel coro de’ PP. Benedettini in Perugia sul disegno di {{AutoreCitato|Raffaello Sanzio|Raffaello d’Urbino}}. Ci siamo riservati<sup>nota</sup> a questo luogo di riportare un pezzo di una lettera di {{AutoreCitato|Celio Calcagnini|Celio Calcagnini}} a {{AutoreCitato|Jacob Ziegler|Giacomo Zieglero}}<sup>nota</sup> stampata senza data alcuna, che può servire di supplemento a ciò, che scrisse il {{AutoreCitato|Giorgio Vasari|Vasari}}, e i suoi annotatori, di quel grand’uomo<sup>nota</sup>, tacendone il più grande elogio, e narrando
+
7. Pag. xxiij. Pezzo di ornato lavorato in legno nel coro de’ PP. Benedettini in Perugia sul disegno di {{AutoreCitato|Raffaello Sanzio|Raffaello d’Urbino}}. Ci siamo riservati<ref>Vedi qui avanti ''pag. 50. not. b''. </ref> a questo luogo di riportare un pezzo di una lettera di {{AutoreCitato|Celio Calcagnini|Celio Calcagnini}} a {{AutoreCitato|Jacob Ziegler|Giacomo Zieglero}}<ref>''Epist. lib. 7. op. pag. 191. Basilea 1544''.</ref> stampata senza data alcuna, che può servire di supplemento a ciò, che scrisse il {{AutoreCitato|Giorgio Vasari|Vasari}}, e i suoi annotatori, di quel grand’uomo<ref>''Tom. {{Sc|iiI}}. par. 3. pag. 158. segg''.</ref>, tacendone il più grande elogio, e narrando anche le di lui fatiche d’architettura per riedificare la città di Roma sull’antico suo sistema: ''Vir prædives, & Pontifici gratissimus {{AutoreCitato|Raffaello Sanzio|Raphael Urbinas}}, juvenis summæ bonitatis, sed admirabilis ingerii. Hic magnis excellit virtutibus, facile pictorum omnium princeps, seu in theoricen, seu praxin inspicias. Architectus vero tanta industriæ, ut ea inveniat, ac perficiat, quæ solertissima ingenia fieri posse desperarunt. Prætermitto Vitruvium, quem ille non enarrat solum, sed certissimis rationibus aut defendit, aut accusat: tam lepide, ut omnis livor absit ab accusatione. Nunc vero opus admirabile, ac posteritati incredibile exequitur (nec mihi de basilica Vaticana, cujus architectura præfectus est, verba facienda puto) sed ipsam plane Urbem in antiquam faciem, & amplitudinem, ac symmetriam instauratam magna parte ostendit. Nam & montibus altissimis, & fundamentis profundissimis excavatis, reque ad scriptorum veterum descriptionem, ac rationem revocata, ita Leonem Pontificem, ita omneis Quirites in admirationem erexit, ut quasi cælitus demissum numeri ad æternam Urbem in pristinam majestatem reparandam omnes homines suspiciant. Quare tantum abest ut cristas erigat, ut multo magis se omnibus obvium, & familiarem ultro reddat, nullius admonitionem, aut colloquium refugiens: utpote quo nullus libentius sua commenta in dubium, ac disceptationem vocari gaudeat, docerique, ac docere vita præmium ducat''.
anche le di lui fatiche d’architettura per riedificare la
 
città di Roma sull’antico suo sistema: Vir pradives, & Pontisici
 
gratijfmus Raphael IJrbinas, juvenis silmina boritati*, feci
 
admirabilis ingerii. Hic magnis excellit virtutibus, facile pelorum
 
omnium princeps, fen in theorken, feti praxin infpicias. Architefhts
 
vero tanta induflrtA, ut ea inventai, ac persiciat, qua
 
solertifsima ingenia sieri poffe cìefperarunt. Pratermitto Vitruvium,
 
quem ille non enarrai solum, feci certifsimis rationibus aut defendit, aut accusat: tara lepide, ut omnis livor absit ab accusatione.
 
Nunc vero opus admirabile, ac pofleritati incredibile exeqnitur
 
(nec mihi de basilica Vaticana, cujus architettura prafeclns ejì,
 
verba facienda pitto ) fed ipfam piane Urbem in antiquam faciem,
 
& amplitudinem, ac fymmetriam injlauratam magna parte oflendit. Nam & montibus altifsimis, & fundamentis profundiffwiis
 
excavatis, reque ad fcriptorum veterum deferiptionem, ac rationem
 
revocata, ita Leonem Pontisicem, ita omneis Quirites in admirationem
 
erexit, ut quasi calitus demijfum numeri ad *terna:: i
 
IJrbem in prifìinam majejìatem reparandam omnes homines fùfpiciant. Quare tantum abeft ut crijìas erigat, ut multo magi) se
 
omnibus obvium, & familiarem nitro reddat, nullius admonitionem, aut colloquimi! refugiens: utpote quo nullus libentius fu a commenta
 
in dubinm, ac difceptationem vocari gaudeat, docerique, ac
 
docere vita praminm ducat.
 
   
 
8. Pag. lxj. * Testa di Winkelmann tratta dal gesso del di lui busto posto nella Rotonda, di cui si è parlato alla
 
8. Pag. lxj. * Testa di Winkelmann tratta dal gesso del di lui busto posto nella Rotonda, di cui si è parlato alla
 
<ref>Vedi qui avanti pag. so. not. b. </ref>
 
<ref>Esift. tìb.7. op.pag. 19i. Basilet ’S44.</ref>
 
<ref>Tom. {{Sc|iI}}. par. 3. pag. 1 jS.sigg.</ref>
 

Menu di navigazione