Differenze tra le versioni di "Opera:Morgante"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
( Creata nuova pagina: {{Opera}} Il '''Morgante''' è il poema più importante di Luigi Pulci. L'opera, in 28 cantàri (o canti) in ottave,...)
 
{{Opera}}
 
Il '''''Morgante''''' è il poema più importante di [[Autore:Luigi Pulci|Luigi Pulci]].
Il '''Morgante''' è il poema più importante di [[Autore:Luigi Pulci|Luigi Pulci]]. L'opera, in 28 cantàri (o canti) in ottave, è costituito da due parti: la prima, in 23 cantari, edita nel 1478, sembra seguire da vicino la narrazione di un cantare popolaresco dell'epoca, l'Orlando, scoperto da Pio Rajna nel 1868 e contenuto nel manoscritto Mediceo Palatino 78 della Biblioteca Laurenziana di Firenze; la seconda, in 5 cantari, apparsa nel 1483, prende spunto dalla materia di un altro poemetto, La Spagna, ed è incentrata sulla rotta di Roncisvalle. La derivazione del Morgante dalla sua supposta fonte, l'Orlando, sebbene in un primo tempo accolta unanimemente dagli studiosi, è stata recentemente messa in dubbio da Paolo Orvieto, che ha portato valide motivazioni in sostegno della tesi che considera l'Orlando una derivazione dal Morgante e non viceversa.
 
Il '''Morgante''' è il poema più importante di [[Autore:Luigi Pulci|Luigi Pulci]]. L'opera, in 28 cantàri (o canti) in ottave, è costituito da due parti: la prima, in 23 cantari, edita nel 1478, sembra seguire da vicino la narrazione di un cantare popolaresco dell'epoca, ll’''Orlando'', scoperto da Pio Rajna nel 1868 e contenuto nel manoscritto Mediceo Palatino 78 della Biblioteca Laurenziana di Firenze; la seconda, in 5 cantari, apparsa nel 1483, prende spunto dalla materia di un altro poemetto, ''La Spagna'', ed è incentrata sulla rotta di Roncisvalle. La derivazione del Morgante dalla sua supposta fonte, l'Orlando, sebbene in un primo tempo accolta unanimemente dagli studiosi, è stata recentemente messa in dubbio da Paolo Orvieto, che ha portato valide motivazioni in sostegno della tesi che considera l'Orlando una derivazione dal Morgante e non viceversa.
 
La derivazione del Morgante dalla sua supposta fonte, l’''Orlando'', sebbene in un primo tempo accolta unanimemente dagli studiosi, è stata recentemente messa in dubbio da Paolo Orvieto, che ha portato valide motivazioni in sostegno della tesi che considera l'Orlando una derivazione dal Morgante e non viceversa.
 
== Edizioni ==

Menu di navigazione