Differenze tra le versioni di "Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXCI"

Jump to navigation Jump to search
m
Conversione proofread via bot
m (Bot: aggiustamento parametri)
m (Conversione proofread via bot)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2009|arg=Poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Rime (Stampa)/Rime d'amore|Rime d'amore]]<br/><br/>CXCI|prec=../CXC|succ=../CXCII}}
 
<pages index="Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu" include="110" onlysection="CXCI" />
<poem>
Comincia, alma infelice, a poco a poco
a ricever di fiera sorte il colpo,
a cui pensando sol mi snervo e spolpo,
ed in guai si converte ogni mio gioco.
L’alta cagion del nostro chiaro foco
partirà tosto, di che, lassa, io scolpo
Amore, e ’l crudo mio signor incolpo,
sì veloce a cangiar pensier e loco.
Sì che, quando si parte e torna il sole,
non vegga l’occhio tuo di pianto asciutto,
poi che, dove si può, così si vuole;
ch’un cor saldo e costante vince il tutto,
e morte alfine, o ’l tempo, come suole,
ti trarran fuor di vita e fuor di lutto.
</poem>
79 478

contributi

Menu di navigazione