Rime (Guittone d'Arezzo)/Amore, certo assai meravigliare: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Amore, certo assai meravigliare|prec=../Amor, mercé, ch'or m'è mister che stia|succ=../Mastro Bandino amico, el meo preghero}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/156]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|27}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Amore desidera per fedele chi l’odia e respinge il poeta che tanto lo prega.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=156]] to=156 fromsection=s2 />
 
<poem>
Amore, certo assai meravigliare
me fa de voi ciò che n’adiven mee,
che lungiamente con mercé clamare
{{R|4}}v’ho richesto a signor, cert’a gran fee;
ma quant’eo più recheo, lor men pare
ch’eo presso sia di voi trovar mercee,
e veggio vo a fedel desiderare
{{R|8}}tal, che non vol, e che v’odia e descree.
Donque deritto n’ho, s’eo meraviglio,
che voglio e deggio e posso esser servente
{{R|11}}e, com’eo sia, m’ingegno e m’asottiglio;
e tutto ciò non vale a me neente.
Or no m’è biasmo già, né me repiglio,
{{R|14}}ma prego che miriate ’l convenente.
</poem>
150 025

contributi

Menu di navigazione