Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Ahi, como è ben disorrato nescente"

Jump to navigation Jump to search
m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Ahi, como è ben disorrato nescente|prec=../O benigna, o dolce, o preziosa|succ=../O felloneschi, o traiti, o forsennati}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/217]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|142}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|È minor male pensare che Dio non esista, anziché credere che non sia buono.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=217]] to=218 fromsection=s2 />
 
<poem>
Ahi, como è ben disorrato nescente
qual piò tiensi saccente,
se divin giudici’onn’intender crede,
e ciò che lo saver suo non ben sente
{{R|5}}reo stimar mantenente,
unde Dio dice iniquo e perde fede!
Mira, o superbi’om desconoscente,
se ben te scerne mente,
onne opera d’om, che meglio vede:
{{R|10}}ben male e male ben dice sovente.
Come dunque sì gente
devine schernerai? Pens’ov’è fede.
Minor mal è pensar non sia Deo
che non pensarlo reo;
{{R|15}}ché como necessaro ello pur sia,
è ch’ello bono sia, ;
e se non bono, non Dio. Che dunqu’eo?
</poem>
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/218]]==
<poem>
Se lui bon credo, e che far creder dia?
Oh, che fella mattia
{{R|20}}dir alcun: - no è bon, ché ben non veo! -
e: - fallir pria creo
divina bonità, che scienzia mia! -
</poem>
146 767

contributi

Menu di navigazione