Differenze tra le versioni di "Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/454"

Jump to navigation Jump to search
(Alex_brollo: split)
 
  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Intestazione (non inclusa):Intestazione (non inclusa):
Riga 1: Riga 1:
  +
{{RigaIntestazione|438|ATTO PRIMO||s=si}}
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
 
<nowiki />
 
<nowiki />
{{Pt|{{Indentatura}}}}
 
{{sc|Rosaura}}. Ma ! In due anni ch’ io sono moglie del Conte, non
 
ho mèli avuto un giorno di bene. Mio padre ha voluto sagri-
 
ficarmi. Pèizienza. {{Ids|(Corallina ritorna)}}
 
   
  +
{{sc|Rosaura}}. Ma! In due anni ch’io sono moglie del Conte, non ho mai avuto un giorno di bene. Mio padre ha voluto sagrificarmi. Pazienza. {{Ids|(Corallina ritorna)}}
{{sc|Corallina}}. Signora, il signor Lelio ed il signor Florindo vorreb-
 
bero riverirvi.
 
   
 
{{sc|Corallina}}. Signora, il signor Lelio ed il signor Florindo vorrebbero riverirvi.
{{sc|Rosaura}}. Questa non è ora di visite. Di’ loro che non vi è
 
mio marito.
 
   
{{sc|Corallina}}. Lo sanno che non vi è. Dicono che hanno qualche
+
{{sc|Rosaura}}. Questa non è ora di visite. Di’ loro che non vi è mio marito.
cosa da dirvi.
 
   
{{sc|Rosaura}}. Oimè ! Non vorrei che fosse accaduta qualche disgrazia
+
{{sc|Corallina}}. Lo sanno che non vi è. Dicono che hanno qualche cosa da dirvi.
a mio marito. Fa che passino.
 
   
  +
{{sc|Rosaura}}. Oimè! Non vorrei che fosse accaduta qualche disgrazia a mio marito. Fa che passino.
{{sc|Corallina}}. (Tant’ è : e più che il marito la maltratta, più gli
 
vuol bene). {{Ids|(Ja sé, parte)}}
 
   
 
{{sc|Corallina}}. (Tant’è: e più che il marito la maltratta, più gli vuol bene). {{Ids|(da sè, parte)}}
{{sc|Rosaura}}. Una visita a quest’ ora non dovrebbe essere senza motivo.
 
Mi trema il cuore.
 
{{Ct|t=1.5|v=1|SCENA XI.}}
 
Lelio, Florindo e Rosaura.
 
   
 
{{sc|Rosaura}}. Una visita a quest’ora non dovrebbe essere senza motivo. Mi trema il cuore.
 
{{Ct|c=scena|SCENA XI.}}
 
{{ct|c=personaggi|Lelio, Florindo ''e'' Rosaura.}}
 
{{sc|Lelio}}. Servo, signora Contessa.
 
{{sc|Lelio}}. Servo, signora Contessa.
   
 
{{sc|Florindo}}. Riverisco la signora Contessa. {{Ids|(allegri)}}
 
{{sc|Florindo}}. Riverisco la signora Contessa. {{Ids|(allegri)}}
   
{{sc|Rosaura}}. Serva di lor signori. (Sono allegri, non vi saraimo di-
+
{{sc|Rosaura}}. Serva di lor signori. (Sono allegri, non vi saranno disgrazie), {{Ids|(da sè)}}
sgrazie), {{Ids|(da sé)}}
 
   
{{sc|Lelio}}. Povera damina ! Sempre sola.
+
{{sc|Lelio}}. Povera damina! Sempre sola.
   
 
{{sc|Florindo}}. Ecco la sua conversazione, i libri.
 
{{sc|Florindo}}. Ecco la sua conversazione, i libri.
Riga 42: Riga 32:
 
{{sc|Florindo}}. Coi vivi, signora Contessa, coi vivi.
 
{{sc|Florindo}}. Coi vivi, signora Contessa, coi vivi.
   
{{sc|Rosaura}}. Questa, per dir vero, è più ora da leggere, che da far
+
{{sc|Rosaura}}. Questa, per dir vero, è più ora da leggere, che da far la conversazione.
la conversazione.
 
   
 
{{sc|Lelio}}. Amico, la signora Contessa ci dà il congedo.
 
{{sc|Lelio}}. Amico, la signora Contessa ci dà il congedo.
Riga 49: Riga 38:
 
{{sc|Florindo}}. Noi non siamo venuti per disturbarvi.
 
{{sc|Florindo}}. Noi non siamo venuti per disturbarvi.
   
{{sc|Rosaura}}. M’ immagino che qualche cosa di straordinario vi avrà
+
{{sc|Rosaura}}. M’immagino che qualche cosa di straordinario vi avrà qui condotti.
qui condotti.
 
   
 
{{sc|Lelio}}. Per dir vero, siamo qui venuti per un motivo stravagante.
 
{{sc|Lelio}}. Per dir vero, siamo qui venuti per un motivo stravagante.
{{Pt|</div>}}
 
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
  +
</div>
 
<references/></div>
 

Menu di navigazione