Rimatori siculo-toscani del Dugento: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Creo pagina con autoNs0
Nessun oggetto della modifica
(Creo pagina con autoNs0)
<section begin="Anno di pubblicazione"/>1915<section end="Anno di pubblicazione"/>
<section begin="URL della versione cartacea a fronte"/>Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu<section end="URL della versione cartacea a fronte"/>
<section begin="ArgomentoProgetto"/>poesieDuecento<section end="ArgomentoProgetto"/>
<section begin="Progetto"/>duecento<section end="Progetto"/>
<section begin="Titolo"/>Rimatori siculo-toscani del Dugento<section end="Titolo"/>
<section begin="nome template"/>Intestazione<section end="nome template"/>
<section begin="data"/>1317 luglio 2020<section end="data"/>
<section begin="avz"/>25%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>Da definire<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=25%|data=1317 luglio 2020|arg=Da definire}}{{Intestazione
| Nome e cognome dell'autore = Autori vari
| Nome e cognome del curatore = Guido Zaccagnini/Amos Parducci
| Nome e cognome del traduttore =
| Anno di traduzione =
| Progetto = duecentoDuecento
| Argomento = poesie
| URL della versione cartacea a fronte = Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu
}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Canzoni}}
*** {{Testo|Sovente aggio pensato di tacere}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Canzoni/I. Amore non è cagione di pene ma di gioia}}
*** {{Testo|Madonna, vostr’altéra canoscenza}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Canzoni/II. Nella donna, più che la beltà, è da stimarsi la saggezza}}
*** {{Testo|Considerando l’altera valenza}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Canzoni/III. Fra i tormenti d'Amore si rallegra, pensando alla virtù della sua donna}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti}}
*** {{Testo|Se ’l filosofo dice: — È necessaro}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/I. A fra Guittone}}
*** {{Testo|Vacche né tora piò neente bado}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/II. Al medesimo}}
*** {{Testo|Poi sento ch’ogni tutto da Dio tegno}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/III. Al medesimo}}
*** {{Testo|Pensando ch’ogni cosa aggio da Dio}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/IV. Al medesimo}}
*** {{Testo|Non volontá, ma omo fa ragione}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/V. A Bindo d'Alessio Donati}}
*** {{Testo|A scuro loco conven lume clero}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/VI. A Dotto Reali}}
*** {{Testo|Parlare scuro, dimandando, dove}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/VII. Al medesimo}}
*** {{Testo|Vita noiosa pena soffrir láne}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/VIII. A Monte d'Andrea}}
*** {{Testo|Amore amaro, a morte m’hai feruto}}
**** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/I. Meo Abbracciavacca/Sonetti/IX. Amore gli renda più pietosa la sua donna}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/II. Si. Gui. da Pistoia}}
*** {{Testo|Tanto saggio e bon poi me somegli}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/II. Si. Gui. da Pistoia/I. A Geri Giannini da Pisa}}
*** {{Testo|Del dolor tant’è ’l soverchio fero}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/II. Si. Gui. da Pistoia/II. Prega Dio che lo liberi dal dolore che l'affanna}}
*** {{Testo|Gravoso affanno e pena}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/III. Lemmo Orlandi}}
*** {{Testo|Fera cagione e dura}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/III. Lemmo Orlandi/Canzone I}}
*** {{Testo|Lontana dimoranza}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/III. Lemmo Orlandi/Canzone II}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/III. Lemmo Orlandi/Canzone III}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi}}
*** {{Testo|Valenz senher, rei dels Aragones}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/I. Esorta il re d'Aragona a prepararsi a difendersi dal re di Francia}}
*** {{Testo|De la rota son posti esempli assai}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/II. Ricorda a un uomo, superbo della sua ricchezza, l'instabilità della fortuna}}
*** {{Testo|Un nobel e gentil imaginare}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/III. Risveglio doloroso}}
*** {{Testo|L’altrier, dormendo, a me se venne Amore}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/IV. Amore gli dona in sogno un fiore della sua donna}}
*** {{Testo|Dimme, Amore: vorestú tornare}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/V. Amore manifesti alla sua donna le sue pene}}
*** {{Testo|L’altrier pensando mi emaginai}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/VI. Amara delusione}}
*** {{Testo|Ogni meo fatto per contrario faccio}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/VII. Lamenta l'avversa fortuna, che gli fa fare sempre il contrario di quel che vorrebbe}}
*** {{Testo|Quattr’omin son dipinti ne la rota}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/IV. Paolo Lanfranchi/VIII. Vicende di fortuna}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/V. Meo di Bugno}}
*** {{Testo|Tutto el tempo del mondo m’è avenuto}}
*** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/V. Meo di Bugno/Coscienza netta non cura farneticar di gente}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/Nota}}
** {{testo|/I - Rimatori pistoiesi/Glossario}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni}}
*** {{Testo|Avegna che partensa}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/I. E' colpito dalla sventura}}
*** {{Testo|Fina consideransa}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/II. Rinasce all'amore, perché la donna sua lo esorta a sperare}}
*** {{Testo|Similemente onore}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/III. Sulla natura dell'onore e del piacere}}
*** {{Testo|Fin amor mi conforta}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/IV. Si consola per aver ottenuto ciò che desiderava}}
*** {{Testo|Novellamente amore}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/V. Lodi della sua donna}}
*** {{Testo|Gioia né ben non é senza conforto}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/VI. Ama la sua donna, della quale loda le virtù}}
*** {{Testo|Sperando lungamente in acrescenza}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/VII. Dopo aver parlato della lotta, che combatte per la sua donna, disserta sul ben fare e sulla follia}}
*** {{Testo|Uno giorno aventuroso}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/VIII. Lodi dell'amore: prega madonna che lo voglia amare}}
*** {{Testo|Infra le gioi’ piacenti}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/IX. Si rallegra pensando alla gioia che spera d'avere}}
*** {{Testo|Quando apar l’aulente fiore}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/X. Non ha l'amore della sua donna e vorrebbe dimenticarla}}
*** {{Testo|Ben mi credea in tutto esser d’Amore}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Canzoni/XI. Credeva di non essere amato; ma ha avuto torto}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Discordi}}
*** {{Testo|Quando vegio la rivera}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Discordi/I. Invita pulzelle e maritate a darsi alla gioia e all'amore}}
*** {{Testo|Oi, amadori, intendete l’affanno}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Discordi/II. Si lamenta della durezza della donna sua}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate}}
*** {{Testo|Molto si fa biasmare}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate/I. Non si vantino le proprie virtù}}
*** {{Testo|Donna, vostre bellezze}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate/II. Varie e tante son le bellezze della donna sua}}
*** {{Testo|S’eo sono innamorato e duro pene}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate/III. Se il poeta è rimeritato del suo affetto, sarà il più felice tra gli amanti}}
*** {{Testo|Tal è la fiamma e ’l foco}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate/IV. L'innamorata arde d'amore e prega l'amante}}
*** {{Testo|Fermamente intenza}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Ballate/V. Calda e viva esortazione dell'onore}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti}}
*** {{Testo|Voi, ch’avete mutata la mainerá}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/I. Al Guinizelli}}
*** {{Testo|Dev’orno a la fortuna con coragio}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/II. L'uomo deve resistere fortemente ai colpi di fortuna}}
*** {{Testo|Feruto sono e chi di me è ferente}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/III. Sebbene ferito, tacerà, perché così spera di vincere la durezza della donna sua}}
*** {{Testo|Qual omo è su la rota per ventura}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/IV. Chi ha la fortuna favorevole non si rallegri troppo}}
*** {{Testo|Omo, ch’è sagio ne lo cominciare}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/V. Non basta cominciare bene: perseverare bisogna}}
*** {{Testo|A me adovene com’a lo zitello}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/VI. E' come il fanciullo, che torna al fuoco ove s'è bruciato}}
*** {{Testo|Tutto lo mondo si mantien per fiore}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/VII. Giuoca intorno alla parola 'fiore'}}
*** {{Testo|Dentro da la nieve esce lo foco}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/VIII. Più la ama e più ella non cede}}
*** {{Testo|Saver, che sente un piciolo fantino}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/IX. Senza sapere, i signori possono perdere la signoria}}
*** {{Testo|Vostra piacenza — tien piú di piacere}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/X. Ella ha in sé ogni cosa piacente, ogni valore, ogni conoscenza}}
*** {{Testo|Ne l’amoroso foco molti stanno}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XI. Molti amano non ricompensati, e il poeta è fra questi}}
*** {{Testo|Per fino amore — lo fiore — del fiore — avragio}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XII. Si sente lieto, ché, per ben servire, otterrà l'amore di lei}}
**** {{testoTesto|/IISonetto -di Rimatorianonimo lucchesi/I.e risposta di Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XIIII}}
**** {{testoTesto|/IISonetto -di Rimatorianonimo lucchesi/I.e risposta di Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XIVII}}
*** {{Testo|Movo di basso e vogli’ alto montare}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XV. Si rifletta prima di operare e di dire}}
*** {{Testo|Gli vostri occhi ch’e’ m’hanno divisi}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XVI. Vuol salire in alto sulla sedia del comando}}
*** {{Testo|Con sicurtá dirò, po’ ch’i’ son vosso}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XVII. Loda le bellezze di lei}}
*** {{Testo|Nel tempo averso om de’ prender conforto}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/XVIII. Per quanto abbia pregato la Madonna, non ha potuto levar gli spiriti malvagi da alcuni sonetti}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/I. Bonagiunta Orbicciani/Sonetti/Sonetto di dubbia autenticità}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/II. Tenzoni}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/II. Tenzoni/I. Tenzone fra Gonnella Antelminelli, Bonagiunta e Bonodico}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/II. Tenzoni/II. Tenzone fra Bartolomeo e Bonodico}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/III. Gonnella degli Antelminelli}}
*** {{Testo|Certo, non si convene}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/III. Gonnella degli Antelminelli/Stanza. Come deve contenersi il franco amatore?}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/IV. Fredi}}
*** {{Testo|Dogliosamente con gran malenanza}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/IV. Fredi/Canzone. E' caduto dall'altezza primiera, ma spera di risollevarsi}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/V. Dotto Reali}}
*** {{Testo|Di ciò che ’l meo cor sente}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/V. Dotto Reali/Canzone. Privazioni e disagi, che sostiene per causa d'amore}}
*** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/V. Dotto Reali/Sonetti}}
*** {{Testo|Similemente canoscensa move}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/V. Dotto Reali/Sonetti/I. A Meo Abbracciavacca}}
*** {{Testo|A piò voler mostrar che porti vero}}
**** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/V. Dotto Reali/Sonetti/II. Allo stesso}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/Nota}}
** {{testo|/II - Rimatori lucchesi/Glossario}}
* {{testo|/III - Rimatori pisani}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/I. Gallo o Galletto}}
*** {{Testo|In alta donna ho miso mia ’ntendanza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/I. Gallo o Galletto/I. Ha ricevuto da madonna una rosa e molto spera per questo lunsinghiero principio}}
*** {{Testo|Credea essere, lasso}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/I. Gallo o Galletto/II. Canzone equivoca}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/II. Leonardo del Guallacca}}
*** {{Testo|Si come ’l pescio al lasso}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/II. Leonardo del Guallacca/A Gallo}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno}}
*** {{Testo|Madonna, vostr’altèro plagimento}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/I. E' contento di servire madonna}}
*** {{Testo|Di sí alta valenz’ a signoria}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/II. E' contento di soffrire gravi pene per lei}}
*** {{Testo|Sí dilettosa gioia}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/III. Si lagna d'aver perduto la gioia che prima aveva avuto, amando madonna}}
*** {{Testo|Poi centra voglia dir pena convene}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/IV. Si lagna delle pene in cui si trova per servire madonna}}
*** {{Testo|La dolorosa e mia grave doglienza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/V. Ancora mostra il suo dolore per la crudeltà di lei}}
*** {{Testo|Considerando la vera partenza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/VI. Si lamenta ancora di dover tanto soffrire per essere servo d'amore}}
*** {{Testo|La dolorosa noia}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/VII. Si lamenta delle prepotenze e ingiustizie…}}
*** {{Testo|Dolorosa doglienza in dir m’adduce}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/VIII. Vorrebbe trovar rimedio contro le pene d'amore, ma non sa come}}
*** {{Testo|Vero è che stato son manta stagione}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/IX. Dice d'esser tutto preso dall'amore di lei e di non avere altro pensiero}}
*** {{Testo|Magna medela a grave perigliosa}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/X. Rintronico}}
*** {{Testo|Di dir giá piú non celo}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XI. Non potendo più reggere alle amare pene che lo affliggono…}}
*** {{Testo|Poi che mia voglia varca}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XII. Anche qui parla chiuso, per dare sfogo al dolore che lo affanna}}
*** {{Testo|Lasso, sovente — sent’e’ — che natura}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XIII. L'anima viene pura dall'alto; ma si guasta poi e si travia…}}
*** {{Testo|Se quei che regna e ’n segnoria empera}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XIV. Instabilità della fortuna}}
*** {{Testo|Dolendo, amico, di gravosa pena}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XV. Conforta un amico d'un grave dolore che lo affanna}}
*** {{Testo|Rapresentando a conoscenza vostra}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XVI. Dice ad un amico come già da tre anni sia servo d'amore, e gli domanda consiglio}}
*** {{Testo|Preg’a chi dorme ch’oramai si svegli}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XVII. Esorta altri a mostrare, ch'è tempo, il proprio valore}}
*** {{Testo|Piggiore stimo che morso di capra}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XVIII. Discopre le sue pene per essere in signoria d'amore}}
*** {{Testo|Lasso di far piú verso}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XIX. Si lamenta di vedere abbandonata la giustizia e trionfare la slealtà}}
*** {{Testo|Sovrapiagente mia gioia gioiosa}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XX. Ogni sua volontà, ogni diletto è in piacere di lei}}
*** {{Testo|Amor s’ha il mio voler miso di sovra}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XXI. Amore ha preso tutta la sua anima ed è porto d'ogni sua virtù}}
*** {{Testo|Non posso proferir quant’ho voglienza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/III. Panuccio del Bagno/XXII. Ha la graziosa immagine di madonna fissa sempre in cuore}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/IV. Betto Mettefuoco}}
*** {{Testo|Amore, perché m’hai}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/IV. Betto Mettefuoco/Si mostra lieto di essere in servitù d'Amore per una dona avvenente}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/V. Ciolo della Barba}}
*** {{Testo|Compiutamente mess’ho intenzione}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/V. Ciolo della Barba/Chiede a madonna, poiché è in tutto servo di lei, che si mova a pietà del suo amore}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli}}
*** {{Testo|Lo fermo intendimento, ched eo aggio}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli/I. Si lagna delle pene che gli dà Amore..}}
*** {{Testo|Tuttora aggio di voi rimembranza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli/II. Della gioia che prova a guardar lei}}
*** {{Testo|Signor senza pietanza, udit’ho dire}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli/III. Si lagna che madonna lo faccia tanto soffrire}}
*** {{Testo|Madonna, vo’ isguardando senti’ amore}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli/IV. Si lamenta che Amore lo abbia ingannato}}
*** {{Testo|Similemente, — gente — criatura}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VI. Pucciandone Martelli/V. In madonna è ogni bellezza e gentilezza}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/VII. Bacciarone di messer Bacone}}
*** {{Testo|Nova m’è volontá nel cor creata}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VII. Bacciarone di messer Bacone/I. Stolti coloro che lodano Amore, fonte di tanti mali}}
*** {{Testo|Sí forte m’ha costretto}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VII. Bacciarone di messer Bacone/II. Si lagna di Amore, che con tante pene lo tormenta}}
*** {{Testo|Se doloroso a voler movo dire}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VII. Bacciarone di messer Bacone/III. Esprime il dolore che sente a veder governata Pisa da tali che non curano il bene}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/VIII. Geri Giannini}}
*** {{testoTesto|/IIIMeo -fero Rimatoristato pisani/VIII. Gerinato Giannini/I. Aé Natuccio Cinquinoforte}}
*** {{Testo|Poi sono stato — convitato — a corte}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VIII. Geri Giannini/II. Risposta di Natuccio Cinquino}}
*** {{Testo|Magna ferendo me tuba ’n oregli}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/VIII. Geri Giannini/III. A Si. Gui. da Pistoia}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/IX. Natuccio Cinquino}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/IX. Natuccio Cinquino/Tenzoni fra Natuccio e Bacciarone}}
**** {{testo|/III - Rimatori pisani/IX. Natuccio Cinquino/Tenzoni fra Natuccio e Bacciarone/II}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/X. Lotto di ser Dato}}
*** {{Testo|Fior di beltá e d’ogni cosa bona}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/X. Lotto di ser Dato/I. Loda la bellezza e la virtù della sua donna}}
*** {{Testo|De la fera infertá e angosciosa}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/X. Lotto di ser Dato/II. Si lamenta della sua infelice vita}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/XI. Nocco di Cenni di Frediano}}
*** {{Testo|Greve di gioia — pò l’om malenanza}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/XI. Nocco di Cenni di Frediano/Si lagna che madonna gli abbia prima fatto serare d'aver gioia del suo amore, e poi lo abbia ingannato}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/XII. Geronomo Terramagnino}}
*** {{Testo|Poi dal mastro Guitton latte tenete}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/XII. Geronomo Terramagnino/I. Dice ad un poeta che è bene riflettere lungamente prima di parlare}}
*** {{Testo|El nom de Dieu qu’es subiranz}}
*** {{testo|/III - Rimatori pisani/XII. Geronomo Terramagnino/II. Doctrina de cort}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/Nota}}
** {{testo|/III - Rimatori pisani/Glossario}}
* {{testo|/Indice dei capoversi}}
* {{testo|/Indice}}
256 106

contributi

Menu di navigazione