De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Nuovo capitolo
m (altro capitolo)
m (Nuovo capitolo)
 
 
{{nbsp|5}}Giudicandω adunque (nωn sεnza ragiωne tratta cωsì da le co∫e superiωri, cωme da le inferiωri) che l’homω drizasse il suω primω parlare primiεramente a Diω; dicω, che ragiωnevωlmente essω primω parlante parlò subitω, che fu da la virtù animante inspiratω; perciò, che ne l’homω crediamo, che mωltω più co∫a humana sia l’εssere sentitω, chε il sentire, pur che egli sia sentitω, ε sεnta cωme homω. Se adunque quel primω fabbrω di ogni perfeziωne principiω, εt amatωre, inspirandω il primω homω cωn ogni perfeziωne cωmpì, ragiωnevωle co∫a mi pare, che questω perfettissimω animale nωn prima cωminciasse a sentire, chel fωsse sentitω. Se alcunω pωi dicesse cωntra le ωbiecziωni; Che nωn εra bi∫ognω, che l’homω parlasse, essεndω egli sωlω; ε che Diω ogni nostrω secretω, sεnza parole, εt anchω prima di nωi, di∫cεrne. Hora (cωn quella riverεnzia, la quale devemω u∫are ogni volta, che qualche co∫a de l’εtεrna vωluntà giudichiamω) dicω; che avεgna, che Diω sapesse, anzi antivedesse (che ὲ una mede∫ima co∫a quantω a Diω) il cωncεttω del primω parlante sεnza parlare, nωn di menω vωlse, che essω parlasse; acciò, che ne la explicaziωne di tantω dωnω, cωlui, che graziω∫amente glielω havea dωnatω, se ne glωriasse; <big><big>ε</big></big> perciò devemω credere, che da Diω prωcεda, che ωrdinatω l’attω de i nostri affεtti, se ne allegriamω. Quinci pωssiamω ritrωvare il luocω, nel quale fu mandata fuori la prima favella; perciò, che se fu animatω l’homω fuori del paradi∫ω, diremω che fuori, se dentrω, diremω che dentrω fu il locω del suω primω parlare’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Hora perché i negozii humani si hannω ad εxercitare per mωlte, ε divεrse lingue, tal, che mωlti per le parole nωn sωnω altrimente inte∫i da mωlti, chε se fusserω senza esse; però fia buonω investigare di quel parlare, del quale si crede haver u∫atω l’homω, che nacque sεnza madre, ε sεnza latte si nutrì, ε che nέ pupilare εtà vide, nέ adulta. In questa co∫a, sì cωme in altre mωlte, Piεtra mala ὲ amplissima città, ε patria de la maggiωr parte de i figliuoli di Adamω, però qualunque si ritruova εssere sidi cωsì dishωnestadishωnεsta ragiωne, che creda, che il luogω de la sua naziωne sia il più deliziω∫ω, che si truovi sωttω il sωle, a cωstui parimente sarà licitω prepωrre il suω propriω vulgare, cioὲ la sua matεrna lωcuziωne, a tutti gli altri, ε cωnseguεntemente credere essa εssere stata quella di Adamω. Ma nωi, a cui il mωndω ὲ patria, sì cωme a pe∫ci il mare, quantunque habbiamω bevutω l’acqua d’Arnω avanti, che havessemω dεnti, ε che amiamω tantω Fiωrεnza, che per haverla amata patiamω injustω εxiliω, nωn di menω le spalle del nostrω giudiciω più a la ragiωne, chε al sensω appωggiamω; <big><big>ε</big></big> ben, che secωndω il piacer nostrω, o verω secωndω la quiεte de la nostra sensualità, nωn sia in tεrra locω più amεnω di Fiωrεnza; pure rivωlgεndω i vωlumi de i pωεti, ε de gli altri scrittωri, ne i quali il mωndω universalmente, ε particularmente si descrive, ε discωrrεndω fra nωi i varii siti de i luoghi del mωndω, ε le habitudini lωrω tra l’unω, ε l’altrω polω, ε ’l circulω εquatωre, fermamente cωmprendωcωmprεndω, ε credω mωlte regiωni, ε città εssere più nobili, ε deliziω∫e, chechε Tωscana, ε Fiωrεnza, ωve sωn natω, ε di cui sωn cittadinω; ε mωlte naziωni, ε mωlte gεnti u∫are più dilettevωle, ε più utile sermωne, chε gli Italiani. Ritωrnandω adunque al prωpostω; dicω, che una cεrta fωrma di parlare fu creata da Diω insiεme cωn l’anima prima, ε dico ‘fωrma’, quantω a i vωcabωli de le co∫e, [ε quantω alla cωnstruziωne de i vωcabωli], ε quantω al proferir de le cωnstruziωni, la quale fωrma veramente ogni parlante lingua u∫erεbbe, se per cωlpa de la prω∫unziωne humana nωn fωsse stata dissipata; cωme disωttω si mωstrerà; di questa fωrma di parlare parlò Adamω, ε tutti i suoi posteri, finω a la εdificazione de la tωrre di Babεl, la quale si intεrprtaintεrpreta la tωrre de la cωnfu∫iωne. Questa fωrma di lωcuziωne hannω hereditatω i figliuoli di Hεbεr, i quali da lui furωnω detti Hεbrεi; a cui sωli dωpω la cωnfu∫iωne rima∫e acciò, che il nostrω Redemptωre, il quale dωveva na∫cere di lωrω, u∫asse, secωndω la humanità, de la lingua de la grazia, ε nωn di quella de la cωnfu∫iωne; Fu adunque lω Hεbraicω Idioma quellω, che fu fabricatω da le labra del primω parlante.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 

Menu di navigazione