De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Riletto un altro capitolo
(Correzione via bot)
m (Riletto un altro capitolo)
 
 
{{nbsp|5}}Hora perché i negozii humani si hannω ad εxercitare per mωlte, ε divεrse lingue, tal, che mωlti per le parole nωn sωnω altrimente inte∫i da mωlti, chε se fusserω senza esse; però fia buonω investigare di quel parlare, del quale si crede haver u∫atω l’homω, che nacque sεnza madre, ε sεnza latte si nutrì, ε che nέ pupilare εtà vide, nέ adulta. In questa co∫a, sì cωme in altre mωlte, Piεtra mala ὲ amplissima città, ε patria de la maggiωr parte de i figliuoli di Adamω, però qualunque si ritruova εssere di cωsì dishωnεsta ragiωne, che creda, che il luogω de la sua naziωne sia il più deliziω∫ω, che si truovi sωttω il sωle, a cωstui parimente sarà licitω prepωrre il suω propriω vulgare, cioὲ la sua matεrna lωcuziωne, a tutti gli altri, ε cωnseguεntemente credere essa εssere stata quella di Adamω. Ma nωi, a cui il mωndω ὲ patria, sì cωme a pe∫ci il mare, quantunque habbiamω bevutω l’acqua d’Arnω avanti, che havessemω dεnti, ε che amiamω tantω Fiωrεnza, che per haverla amata patiamω injustω εxiliω, nωn di menω le spalle del nostrω giudiciω più a la ragiωne, chε al sensω appωggiamω; <big><big>ε</big></big> ben, che secωndω il piacer nostrω, o verω secωndω la quiεte de la nostra sensualità, nωn sia in tεrra locω più amεnω di Fiωrεnza; pure rivωlgεndω i vωlumi de i pωεti, ε de gli altri scrittωri, ne i quali il mωndω universalmente, ε particularmente si descrive, ε discωrrεndω fra nωi i varii siti de i luoghi del mωndω, ε le habitudini lωrω tra l’unω, ε l’altrω polω, ε ’l circulω εquatωre, fermamente cωmprεndω, ε credω mωlte regiωni, ε città εssere più nobili, ε deliziω∫e, chε Tωscana, ε Fiωrεnza, ωve sωn natω, ε di cui sωn cittadinω; ε mωlte naziωni, ε mωlte gεnti u∫are più dilettevωle, ε più utile sermωne, chε gli Italiani. Ritωrnandω adunque al prωpostω; dicω, che una cεrta fωrma di parlare fu creata da Diω insiεme cωn l’anima prima, ε dico ‘fωrma’, quantω a i vωcabωli de le co∫e, [ε quantω alla cωnstruziωne de i vωcabωli], ε quantω al proferir de le cωnstruziωni, la quale fωrma veramente ogni parlante lingua u∫erεbbe, se per cωlpa de la prω∫unziωne humana nωn fωsse stata dissipata; cωme disωttω si mωstrerà; di questa fωrma di parlare parlò Adamω, ε tutti i suoi posteri, finω a la εdificazione de la tωrre di Babεl, la quale si intεrpreta la tωrre de la cωnfu∫iωne. Questa fωrma di lωcuziωne hannω hereditatω i figliuoli di Hεbεr, i quali da lui furωnω detti Hεbrεi; a cui sωli dωpω la cωnfu∫iωne rima∫e acciò, che il nostrω Redemptωre, il quale dωveva na∫cere di lωrω, u∫asse, secωndω la humanità, de la lingua de la grazia, ε nωn di quella de la cωnfu∫iωne; Fu adunque lω Hεbraicω Idioma quellω, che fu fabricatω da le labra del primω parlante.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Ahi cωme gravemente’ mi vergognω di rinωvare al pre∫εnte’ la ignωminia de la generaziωne humana; ma perciò, che nωn pωssiamω la∫ciar di passare per essa, se bεn la faccia divεnta rωssa, ε l’animω la fugge, nωn starò di narrarla; O nostra natura sempre prona a i peccati, o da principiω, ε che mai nωn fini∫ce, piεna de la nequizia, nωn εra statω assai per la tua cωrruttεlla, che per lω primω fallω fωsti cacciata, ε stesti in bandω de’ la patria de le delicie? nωn εra assai, che’ per la universale luxuria, ε crudeltà de’ la tua famiglia, tuttω quellω, che’ εra di te’, fuor chε una ca∫a sωla, fusse dal diluviω sωmmersω? <big><big>ε</big></big> per il male, che tu havevi cωmessω, gli animali del Ciεlω, ε de la tεrra, fussenω già stati puniti? cεrtω assai sarεbbe statω; ma cωme’ prωverbialmente’ si suol dire, «Nωn andrai a cavallω anzi la terza»; ε tu mi∫era vωlesti mi∫eramente andare a cavallω. <big><big>ε</big></big>ccω lettωre, che l’homω, o verω scωrdatω, o verω nωn curandω de le prime battiture, ε rivωlgεndω gli occhi da le’ sfεrze, che εranω rima∫e, venne la tεrza volta a le botte, per la ∫ciocca sua, ε supεrba prω∫unziωne; pre∫unse adunque dnel suω cuore l’incurabilelω incurabile homω sωttω persuasiωnepersua∫iωne di Gigante di superare cωn l’arte sua nωn sωlamente la natura, ma anchωra essω naturante, il quale ὲ Diω; ε cωminciò ad εdificare una tωrre in Sεnnaar, la quale poi fu detta Babεl, cioὲ cωnfusiωne’cωnfu∫iωne’, per la quale sperava di a∫cεndere al ciεlω, havεndω intenziωne il sciocchω nωn sωlamente di aguagliare, ma di avanzare il suω fattωre; O clemεnzia sεnza mi∫ura del celεste Imperiω; qual padre sωster[r]εbbe tanti insulti dal figliuolω; Hora inalzandωsi, nωn cωn inimica sferza, ma cωn patεrna, εt a battiture assuεta, il ribellante figliuolω cωn piatω∫a, ε memωrabile cωrreziωne castegò. <big><big>ε</big></big>ra qua∫i tutta la generaziωne humana a questa opera iniqua cωncωrsa, parte cωmandava, parte εranω architεcti, parte facevanω muri, parte i piωmbavanω, parte tiravanω le corde, parte cavavanω sassi, parte per tεrra, parte per mare li cωnducevanω; <big><big>ε</big></big> cωsì divεrse parti in divεrse altre opere s’affaticavanω, quandω furωnω dal ciεlω di tanta cωnfu∫iωne percossi, che dωve tutti cωn una istessa lωquεla sεrvivanω a l’opera, diversificandωsi in mωlte lωquεle da essa cessavanω, nέ mai a quel mede∫imω cωmεrciω cωnvenivanω; <big><big>ε</big></big> a quelli sωli, che in una co∫a cωnvenivanω, una istessa lωquεla attualmente rima∫e; cωme ὲ a tutti gli architetti, una, a tutti i cωndutωri di sassi, una, a tutti i preparatωri di quegli;, una; ε cωsì advenne di tutti gli operanti; tal, che di quanti varii εxercizii εranω in quell’opera, di tanti varii linguaggi fu la generaziωne’ humana disiunta. <big><big>ε</big></big> quantω era più εxcellεnte l’artificiω di ciascunω, tantω era più grωssω, ε barbarω il lωrω parlare’. Quelli pω∫cia, a li quali il sacratω Idioma rima∫e, nέ eranω pre∫εnti, nέ lωdavanω lω εxerciziω lωrω; anzi gravemente bia∫imandωlω, si ridevanω de’ la ∫ciωccheza de’ li operanti; ma questi furωnω una minima parte’ di quelli, quantω al numerω, ε furωnω sì cωm’iω cωmprεndω del sεme di Sεm, il quale fu il terzω figliuolω di Nωὲ, da cui nacquenacque’ il popωlω d’Israεldi Israεl, il quale u∫ò de la antiquissima lωcuziωne finω a la sua dispersiωne’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 

Menu di navigazione