De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
m (Riletto un altro capitolo)
Nessun oggetto della modifica
 
 
{{nbsp|5}}Essεndω il vωlgare Italianω per mωlte variεtà dissωnante, investighiamω la più bεlla, εt illustre lωquεla di Italia; εt acciò, che a la nostra investigaziωne pωssiamω havere un picciωlω calle, gettiamω prima fuori de la selva lj’ arbωri attraversati, ε le spine. Sì cωme adunque i Rωmani si stimanω di dωver εssere a tutti preposti, cωsì in questa εradicaziωne’, o verω εxtirpaziωne nωn immeritatamente a lj’ altri li prepωrremω; prωtestandω essi in niuna ragiωne de la vωlgare εlωquεnzia εssere da tωccare. Dicemω adunque, il vωlgare de i Rωmani, o per dir mεljω, il suω tristω parlare εssere il più bruttω di tutti i vωlgari Italiani; ε nωn ὲ maravilja, sεndω ne i cωstumi, ε ne le defωrmità de lj’ habiti lωrω sωpra tutti puzωlεnti; εssi dicωnω, ''Meçure quintω dici''.Dωpω questi caviamω quelli de la Marca d’Ancωna, i quali dicωnω, ''Chignamente scate’ ∫ciate'', cωn i quali mandiamω via i Spωletani; <big><big>ε</big></big> nωn ὲ da preterire, che in vitupεriω di queste tre gεnti sωnω state mωltecanzωni cωmposte, tra le quali ne vidi una drittamente’ ε perfettamente’ legata, la quale un cεrtω Fiωrentinω, nωminatω il {{AutoreCitato|Castra fiorentino|Castra}}, haveva cωmpostω, ε cωminciava: ''{{TestoCitato|Una Fermana iscoppai da Cascioli|Una ferina va scωpai da Cascωli, Cita cita sen gia grande aina}}''.
 
Dωpω questi i Melane∫i, ε i Bergamaschi, εt i lωrω vicini gettian via; in vitupεriω de i quali mi ricordω alcunω haver cantatω: ''Inte l’hωra del vesperziω, Fu del mes d’ωckiωver''.
1 280

contributi

Menu di navigazione