De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
{{nbsp|5}}De i crivellati (per modω di dire) vulgari d’Italia, facεndω cωmparatiωne tra quelli, che nel crivellω sωnω rima∫i, briεvemente ∫celgiamω il più hωnωrevωle di εssi. <big><big>ε</big></big> primamente εxaminiamω lω ingegnω circa il Sicilianω, perciò, che pare, che il vωlgare Sicilianω habbia assuntω la fama sωpra lj altri; cωnciò sia, che tutti i pωεmi, che fannω lj’ Italiani, si kiaminω in Sicilianω; <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che trωviamω mωlti dωttωri di cωstà haver gravemente cantatω; cωme in quelle canzωni, ''{{TestoCitato|Ancor che l'aigua per lo foco lassi|Anchωr che l’aigua per lω focω lassi}}'', εt ''{{TestoCitato|Amor, che lungiamente m'ài menato|Amωr, che lωngamente m’hai menatω}}''.
 
Ma questa fama de la tεrra di Sicilia, se drittamente risguardiamω, appare, che sωlamente per ωpprobriω de’ Principi Italiani sia rima∫a; i quali nωn cωn modω hεroicω, ma cωn plebeω seguenω la supεrbia; Ma quelli Illustri hεroi {{Ac|Federico II|Federicω Cε∫are}}, et el bεn natω suω figliuolω Manfrεdi, dimωstrandω la nωbiltà, ε dritteza de la sua fωrma, mentre che la fωrtuna gli fu favωrevωle, seguirωnω le co∫e humane, ε le bestiali sdegnorωnω: Il perché cωlωrω, che εranω di altω cuore, ε di grazie dωttati, si sfωrzavanω di adherirsi a la maestà de sì gran Principi; tal che in quel tεmpω tuttω quellω, che gli εxcellenti Italiani cωmpωnevanω ne’ la cωrte di sì gran Re primanente u∫civa. <big><big>ε</big></big> perché il lωrω sεggiω regale εra in Sicilia, ὲ advenutω, che tuttω quellω, che i nostri precessωri cωmpωserω in vulgare, si kiama Sicilianω; il che ritenemω anchωra nωi; εt i posteri nostri nωn lω pωtrannω mutare. ''Racha, Racha''. Che suona hora la trωmba de l’ultimω Federicω? che, il sωnaljω de ’l secωndω Carlω? che, i corni di Giωvanni, ε di Azω Marche∫i pωtεnti? che le tibie de lj altri Magnati? senωn venite carnefici, venite altriplici, venite settatωri di avarizia. Ma mεljω ὲ tωrnare al prωpo∫itω, che parlare indarnω. Hor dicemω, che se vωljamω piljare il vωlgare Sicilianω, cioὲ quellω, che viεn da i mediocri pae∫ani, da la bωcca de i quali ὲ da cavare il giudiziω, appare, che ’l nωn sia degnω di εssere prepostω a lj altri; perciò, chel nωn si prωferi∫ce sεnza qualche tεmpω, cωme ὲ, in, ''Tragemi deste fωcωra se t’εste a bωlωntate''. Se questω poi nωn vωljamω piljare, ma quellω, che ε∫ce de la bωcca de i principali Siciliani, cωme ne le preallegate Canzωni si può vedere, nωn ὲ in nulla differεnte da quellω, che ὲ laudabilissimω, cωme disωttω dimωstreremω. I Pulje∫i poi, o verω per la accerbità lωrω, o verω per la prωpinquità de i suoi vicini [che sωnω Rωmani e Marchigiani] fannω brutti barbarismi. <big><big>ε</big></big> dicωnω, ''Vωlzera, chε kiangesse lω quatrarω''. Ma quantunque cωmunemente i pae∫ani Pulje∫i parlinω bruttamente, alcuni però εxcellenti tra lωrω hannω pωlitamente parlatω, ε pωstω ne le lωro Canzωni vωcabωli mωltω cωrtigiani, cωme manifestamente appare a chi i lωrω scritti cωnsidera, cωme ὲ; ''Madonna dir vi voljω'', ε, ''Per finω amωre vò sì liεtamente'''.
 
Il perché a quelli, che nωteranno ciò, che s’ὲ dettω disωpra, dεe εssere manifεstω, che nέ il Sicilianω, nέ il Puljε∫e ὲ quel vωlgare, che in Italia ὲ bellissimω; cωnciò sia, che habbiamω mωstratω, che lj εlωquεnti nativi di quel pae∫e sianω da essω partiti.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Dωpω questi vegniamω a li Tωscani, i quali per la lωrω pazia insensati, pare, che arrωgantemente s’attribuiscanω il titωlω del vulgare Illustre; εt in questω nωn sωlamente la ωpiniωne de i plebεi impazisse; ma ritruovω mωlti huomini famω∫i haverla havuta; cωme fu {{Ac|Guittone d'Arezzo|Guittωne d’Arezω}} il quale nωn si diede mai al vωlgare Cωrtigianω, {{Ac|Bonagiunta Orbicciani|Bωnagiunta da Luca}}, Gallω Pi∫anω, Minω Mωcatω Sene∫e, Brunettω Fiωrentinω, i detti de i quali, se si harà tempω di εxaminarli, nωn Cωrtigiani, ma proprii de le lωrω cittadi εssere si ritrωverannω. Ma cωnciò sia, che i Tωscani sianω più de lj altri in questa εbbriεtà furibωndi, ci pare co∫a utile, ε degna torre in qualche co∫a la pωpapωmpa a ciascunω de i vωlgari de le città di Tωscana. I Fiωrentini parlanω, ε dicωnω: ''Manichiamω introque nωn facciamω altrω.'' I Pi∫ani, ''Bεne andonnω li fanti di Fiωrεnza per Pi∫a.'' I Luche∫i, ''Fò vωtω a Diω, che in gassaria εje lω cωmunω di Luca.'' I Sene∫i, ''<big><big>ω</big></big>nche rinegata havessi iω Siεna.'' Gli Arεtini, ''Votu venire ωvεlle.'' De Perugia, Orbiεttω, Vitεrbω, εcittàε città Castellana, per la vicinità, che hannω cωn Rωmani, ε Spωletani, nωn intεndω dir nulla. Ma cωme che qua∫i tutti i Tωscani sianω nel lωrω bruttω parlare ωttu∫i, nωn di menω ho vedutω alcuni haver cωnω∫ciutω la εxcellenzia del vulgare, cioὲ {{Ac|Guido Cavalcanti|Guidω}}, {{Ac|Lapo Gianni|Lapω}}, ε un altrω, Fiωrentini, ε {{Ac|Cino da Pistoia|Cinω Pistωje∫e}}, il quale al pre∫εnte indegnamente pωspωnemω, nωn indegnamente cωnstretti. Adunque se εxamineremo le lωquεle Tωscane, ε cωnsidereremω cωme li homini mωltω hωnωrati si sianω da εsse lωrω prωprie partiti, nωn resta in dubbiω, che il vulgare, che nωi cerchiamω, sia altrω, chε quellω, che hannω i popωli di Tωscana. Se alcunω poi nωn pensasse, che quellω, che nωi affermiamω de i Tωscani, sia da affirmare de i Genωve∫i, questω sωlω cωstui cωnsideri, che se i Gεnωve∫i per dimenticanza perdessenω il z, lettera, bi∫ognerεbbe lωrω, over εssere tωtalmente muti, over trovare una nuova lωcuziωne, perciò, che il z ὲ la maggiωr parte de il lωrω parlare, la qual lettera nωn si può senωn cωn mωlta asperità prωferire’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 

Menu di navigazione