Differenze tra le versioni di "Tutto lo mondo vive sanza guerra"

Jump to navigation Jump to search
Correzione pagina via bot
(Assegno l'opera al Progetto Duecento via bot)
(Correzione pagina via bot)
O Deo, como faragio?
O Deo, como sostenemi la terra?
{{R|5}}E'E’ par ch'ioch’io viva i[n] noia de la gente,
ogn'omoogn’omo m'èm’è salvagio.
Non paiono li fiori
per me, com'com’ già soleano,
e gli ausei per amori
{{R|10}}dolzi versi faceano - a gli albori.
 
E quand'eoquand’eo vegio gli altri cavalieri
arme portare e d'amored’amore parlando,
ed io tut[t]o mi doglio;
sol[l]azo m'èm’è tornato in pensieri.
{{R|15}}La gente mi riguardano, parlando
s'ios’io son quel ch'esch’es[s]er soglio.
Non so ciò ch'ioch’io mi sia,
nè so per che m'avenem’avene:
tornato m'èm’è lo bene - in dolori.
 
{{R|20}}Ben credo che ò fenita e non comenza;
e lo meo male non por[r]ia contare,
nè le pene ch'ioch’io sento.
Li drappi di vestir non mi s'agenzas’agenza,
nè bono non mi sa lo manicare,
{{R|25}}così vivo in tormento.
Non so onde fugire,
nè a cui m'acomandarem’acomandare;
convenemi sofrire
tut[t]e le pene amare - in dolzori.
 
{{R|30}}Eo credo bene che l'Amorel’Amore sia:
altro deo non m'àm’à già a giudicare
così crudelemente;
chè l'Amorl’Amor è di tale segnoria,
che le due parti a sè vole tirare
{{R|35}}e 'l’l terzo è de la gente.
Ed io per ben servire,
s'ios’io ragione trovasse,
non doveria fallire
An a lui così ch'i'ch’i’ amasse - [lei] per cori.
 
{{R|40}}Dolce madonna, poi ch'eoch’eo mi moragio,
non troverai chi sa ben te servire
tut[t]'a’a tua volontate,
ch'unquech’unque non volli, nè vo'vo’, nè voragio
se non di tut[t]o af[f]are a piacire
{{R|45}}a la vostra amistate.
che non mi sfidi amando;
vostra graz[i]a discenda,
però ch'eoch’eo ardo e 'ncendo’ncendo - de[ntro] e fori.
</poem>
 
362 077

contributi

Menu di navigazione