Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/O motto vile e di vil cor messaggio"

Jump to navigation Jump to search
Correzione pagina via bot
(Assegno l'opera al Progetto Duecento via bot)
(Correzione pagina via bot)
<poem>
O motto vile e di vil cor messaggio,
d'onnid’onni vertù salvaggio,
e d'onnid’onni brevileggio e pregio umano,
dir omo a donna: - io son tuo servo, e aggio
{{R|5}}sì stretto in te coraggio,
more, se, per mercé, no fai el sano! -
Dove legge tutte e dove usaggio,
u'u’ senn'senn’, ove coraggio,
ove altezza di schif'animoschif’animo e strano?
{{R|10}}Perché non vole d'omod’omo om signoraggio,
e dal divin servaggio
dice non po lo core suo far piano;
e sol de notte vae
per lochi laidi e strain, come ladrone.
Oh, se ragion portasse al partir ch'haech’hae!
Non forse uniria giae
{{R|20}}l'autezzal’autezza de l'umanal’umana condizione,
unde senza questione
sé danna, brevileggio; e bestial fae.
362 077

contributi

Menu di navigazione