Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Dolente, tristo e pien di smarrimento"

Jump to navigation Jump to search
Correzione pagina via bot
(Assegno l'opera al Progetto Duecento via bot)
(Correzione pagina via bot)
sono rimaso amante disamato.
Tuttor languisco, peno e sto in pavento,
{{R|4}}piango e sospir di quel ch'hoch’ho disiato.
Il meo gran bene asciso è in tormento:
or son molto salito, alto montato,
non trovo cosa che m'siam’sia valimento,
{{R|8}}se non com omo a morte iudicato.
Ohi, lasso me, ch'ioch’io fuggo in ogni loco,
poter credendo mia vita campare,
{{R|11}}e là, ond'ioond’io vado, trovo la mia morte.
La piacente m'ham’ha messo in tale foco,
ch'ardoch’ardo tutto e incendo del penare,
{{R|14}}poi me non ama, ed eo l'amol’amo sì forte.
</poem>
 
362 077

contributi

Menu di navigazione