Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Altro che morte ormai non veggio sia"

Jump to navigation Jump to search
Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
Altro che morte ormai non veggio sia
de lo dolore meo trapassamento;
ch'eoch’eo biasmo e laudo e vogli'evogli’e non vorria
{{R|4}}che d'amard’amar lei partisse el meo talento.
Ché pur contendo co la voglia mia,
onde mi trovo, lasso, ognora vento;
e poi che veggio che scampar non dia
{{R|8}}giammai, non faccio alcun difendimento.
Poi morir deggio, dirò che m'amortam’amorta
quella, ch'onorech’onore e valor e piacere
{{R|11}}e beltate sovra tutt'altretutt’altre porta,
e crudeltate e fierezza e volere
de darmi morte sì, che non mi apporta
{{R|14}}amor servire né pietà cherere.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi

Menu di navigazione