Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Amore, certo assai meravigliare"

Jump to navigation Jump to search
Correzione pagina via bot
(Correzione pagina via bot)
<poem>
Amore, certo assai meravigliare
me fa de voi ciò che n'adivenn’adiven mee,
che lungiamente con mercé clamare
{{R|4}}v'hov’ho richesto a signor, cert'acert’a gran fee;
ma quant'eoquant’eo più recheo, lor men pare
ch'eoch’eo presso sia di voi trovar mercee,
e veggio vo a fedel desiderare
{{R|8}}tal, che non vol, e che v'odiav’odia e descree.
Donque deritto n'hon’ho, s'eos’eo meraviglio,
che voglio e deggio e posso esser servente
{{R|11}}e, com'eocom’eo sia, m'ingegnom’ingegno e m'asottigliom’asottiglio;
e tutto ciò non vale a me neente.
Or no m'èm’è biasmo già, né me repiglio,
{{R|14}}ma prego che miriate 'l’l convenente.
</poem>
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
362 077

contributi

Menu di navigazione