Stelutis alpinis

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
friulano

Arturo Zardini Arturo Zardini 1918 S canti cantastoria Stelutis alpinis Intestazione 11 luglio 2013 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Se tu vens cà sù ta' cretis,
là che lor mi àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis:
4dal miò sanc l è stât bagnât.

Par segnâl une crosute
je scolpide lì tal cret,
fra chês stelis nàs l'arbute,
8sot di lor jo duar cuièt.

Ciol su, ciol une stelute:
je 'a ricuarde il nestri ben.
Tu i darâs 'ne bussadute,
12e po plàtile tal sen.

Cuant che a ciase tu sês sole
e di cur tu preis par mè,
il miò spirt atòr ti svole:
16jo e la stele sin cun te.


Traduzione

Se tu vieni quassù, tra le rocce
dove loro mi hanno sepolto,
c'è uno spiazzo pieno di stelle alpine;
4dal mio sangue è stato bagnato.

Per segnale, una piccola croce
è scolpita lì sulla roccia
tra quelle stelle nasce l'erbetta,
8sotto di loro, io dormo quieto.

Cogli sù, cogli una stella alpina
lei ricorda il nostro amore:
tu le darai un piccolo bacio
12e poi nascondila nel seno.

Quando a casa sei sola,
e di cuore preghi per me,
il mio spirito intorno ti vola :
16io e la stella siamo con te.


Altri progetti

Collabora a Wikipedia Wikipedia ha una voce di approfondimento su Stelutis alpinis