Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/72. Come il pittore dev'esser vago di udire, nel fare dell'opera, il giudizio di ognuno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte seconda
72. Come il pittore dev'esser vago di udire, nel fare dell'opera, il giudizio di ognuno

Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/71. Della trista suasione di quelli che falsamente si fanno chiamare pittori Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte seconda/73. Come nelle opere d'importanza l'uomo non si deve mai fidare tanto nella sua memoria, che non degni ritrarre dal naturale IncludiIntestazione 1 giugno 2008 75% Pittura

Parte seconda
72. Come il pittore dev'esser vago di udire, nel fare dell'opera, il giudizio di ognuno
Parte seconda - 71. Della trista suasione di quelli che falsamente si fanno chiamare pittori Parte seconda - 73. Come nelle opere d'importanza l'uomo non si deve mai fidare tanto nella sua memoria, che non degni ritrarre dal naturale

Certamente non è da ricusare mentre che l’uomo dipinge il giudizio di ciascuno, perocché noi conosciamo chiaro che l’uomo, benché non sia pittore, avrà notizia della forma dell’altro uomo, e ben giudicherà s’egli è gobbo o s’egli ha una spalla alta o bassa, o s’egli ha gran bocca o naso od altri mancamenti. Se noi conosciamo gli uomini poter con verità giudicare le opere della natura, quanto maggiormente ci converrà confessare questi poter giudicare i nostri errori, ché sappiamo quanto l’uomo s’inganna nelle sue opere; e se non lo conosci in te, consideralo in altrui, e farai profitto degli altrui errori. Sicché sii vago con pazienza udire l’altrui opinione; e considera bene e pensa bene se il biasimatore ha cagione o no di biasimarti; e se trovi di sí, racconcia, e se trovi di no, fa vista di non l’avere inteso; o, s’egli è uomo che tu stimi, fagli conoscere per ragione ch’egli s’inganna.