Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte sesta - Degli alberi e delle verdure/813. Della ramificazione delle piante

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte sesta - Degli alberi e delle verdure
813. Della ramificazione delle piante

Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte sesta - Degli alberi e delle verdure/812. Discorso delle qualità de' fiori nelle ramificazioni delle erbe Trattato della Pittura (da Vinci)/Parte sesta - Degli alberi e delle verdure/814. Della ramificazione delle piante IncludiIntestazione 1 giugno 2008 75% Pittura

Parte sesta - Degli alberi e delle verdure - 812. Discorso delle qualità de' fiori nelle ramificazioni delle erbe Parte sesta - Degli alberi e delle verdure - 814. Della ramificazione delle piante
Trattato della Pittura - 186.jpg
Trattato della Pittura - 187.jpg

Prima: ogni ramo di qualunque pianta che non è superato dal peso di sé medesimo s’incurva, levando il suo estremo verso il cielo. Seconda: maggiori sono i ramiculi de’ rami degli alberi che nascono di sotto, che quelli che nascono di sopra. Terza: tutti i ramiculi nati inverso il centro dell’albero per la soverchia ombra in breve tempo si consumano. Quarta: quelle ramificazioni delle piante saranno piú vigorose e favorite, le quali sono piú vicine alle parti estreme superiori di esse piante, causa l’aria ed il sole. Quinta: gli angoli delle divisioni delle ramificazioni degli alberi sono infra loro eguali. Sesta: ma quegli angoli si fanno tanto piú ottusi quanto i rami de’ loro lati si vanno invecchiando. Settima: il lato di quell’angolo si fa piú obliquo, il quale è fatto di ramo piú sottile. Ottava: ogni biforcazione di rami insieme giunta ricompone la grossezza del ramo che con essa si congiunge: come a dire a b giunto insieme fa e; c d giunto insieme fa f, e f e giunto insieme fa la grossezza del primo ramo op, il quale op grossezza è eguale a tutte le grossezze a b c d, e questo nasce perché l’umore del piú grosso si divide secondo i rami. Nona: tante sono le torture de’ rami maestri, quanti sono i nascimenti delle loro ramificazioni che infra loro non si scontrano. Decima: quella tortura de’ rami piú si piega, la quale ha i suoi rami di piú conforme grossezza: vedi nc ramo e cosí bc per essere infra loro eguali, che il ramo ncd è piú piegato che quel di sopra aon che ha i rami piú disformi. Undecima: l’appiccatura della foglia sempre lascia vestigio di sé sotto il suo ramo, crescendo insieme con tal ramo insino che la scorza crepa e scoppia per vecchiezza dell’albero.